Utente
Gentili Dottori,
nel 2012 ho dovuto fare una retto e sigmoidectomia, e i medici prima dell'intervento volevano farmi una epidurale per non farmi sentire dolore al risveglio dall'anestesia totale.
Hanno fatto 14 tentativi, molto dolorosi, per inserire l'ago fra una vertebra e l'altra, ma non riuscivano perchè, a detta loro, i miei dischi intervertebrali erano troppo schiacciati e induriti.
All'ultimo tentativo per il troppo dolore sono svenuta, non ce la facevo più, e così hanno lasciato perdere e mi hanno fatto solo la totale.
Dopo l'intervento ho fatto una risonanza e un neuroschirugo mi ha detto che avevo discopatie multiple, e che non era il caso di operare perchè praticamente tutti i miei dischi erano ridotti così, ed era meglio pensarci più avanti.
Io però sto cominciando a soffrire di dolori continui, e temo dipenda dai dischi.
Ho dolori ai nervi delle gambe, al nervo sciatico, alla cervicale, alle braccia, perfino sotto la pianta del piede...e la situazione sta peggiorando.
Mi avevano suggerito della ginnastica per sentirmi meglio, ma a parte che lavoro dalle 8 del mattino alla 7 di sera e non ho tempo (e il lavoro in questo periodo è sacro), non credo che della ginnastica risolverebbe il mio problema.
Posso chiedervi un consiglio su cosa fare?
Grazie infinite

[#1]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Bisognerebbe che Lei riportasse per intero il referto della risonanza lombo-sacrale eseguita (una domanda: da quanto tempo ha dolori e/o deficit agli arti inf. e, dopo i tentativi di spinale, tali disturbi sono cambiati ed in che senso?).

Per quanto concerne il tipo di intervento eseguito: perchè si è dovuti procedere all'asportazione del retto/sigma (è stata fatta una istologia)?

Attualmente, le hanno, provvisoriamente, confezionato un ano praeter naturale?.
Cordialità.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Diottore,
e grazie per la sua risposta.
hanno dovuto farmi retto e sigmoidectomia perchè avevo un prolasso rettale di 8 cm.
Mi hanno riferito di aver dovuto tagliare anche 15 cm di intestino.
Per evitare il prolasso mi hanno messo nell'addome una retina con due protesi che sorreggono la parte, in modo che non prolassi più (da allora mal di pancia cronico..).
Il referto della risonanza lo cercherò, ma parlava di due protrusioni di dischi lombari.
Ero già pronta per l'intervento e avevo fatto il prericovero, ma prima di farmi entrare in sala il neurochirurgo che doveva operarmi ha riguardato bene la risonanza e mi ha annullato l'intervento, dicendomi appunto che le discopatie erano multiple e in quel momento l'operazione andava rimandata.
Non ho mai sentito parlare di ano praeter... non credo me lo abbiano messo.
E' stato fatto l'esame istologico dopo l'operazione di prolasso rettale ed era tutto a posto.

[#3]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Cerchi di trovare il referto della ultima rmn lombare e lo riporti.
Se non lo trova, bisognerà fare un'altra rmn.
Cordialità
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore,
stasera lo cercherò e lo riporterò qui.
La ringrazio moltissimo

[#5] dopo  
Utente
Buona sera Dottore,
Le riportò il mio referto della RMN del 2011:
Rispetto a un precedente controllo RM si documenta disidratazione e riduzione volumetrica della formazione erniaria discale a livello dello spazio interrogativo L5-S1 in sede mediana paramediana sinistra.
Residua a tale livello impronta sulla superficie centro laterale sinistra del sacco durale senza evidenti segni di conflitti disco-radicolari.
Sovrapponibili gli aspetti degenerativi a carico dei dischi interrogativi L3-L4 e L4-L5.
Invariati i restanti reperti.

Questa invece è del 2013:
Nei limiti della norma le dimensioni del canale spinale.
In corrispondenza dello spazio C5-c6 discrete alterazioni degenerative osteo-discali con coinvolgimento del processo uniforme dal lato destro, responsabili di impronta sulla superficie paramediana destra del sacco durale con interessamento della tasca radicolare in sede per e anche a livello intraforaminale.
Più modesti gli aspetti degenerativi a livello dei restanti dischi.

[#6]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Vedo che la rmn lombare è molto datata (2011), per cui consiglierei, comunque, di eseguire un nuovo controllo a tale livello.
E' presumibile che il quadro sia mutato in maniera significativa e queste nuove immagini, correlate all'obiettività clinica rilevabile in ambulatorio, può essere che diano un'indicazione diversa di quella ottenuta anni orsono.

Mi sembra, poi, di capire che i problemi siano essenzialmente lombari con irradiazione agli arti inf. In questo caso non ripeterei quella cervicale. Ma se, a livello del collo e/o degli arti sup., i disturbi fossero significativi, allora ripeterei anche quella cervicale pur se ho la sensazione che, a tale livello, troverei solo un quadro di ulteriore degenerazione artrosica.

Dia pure ulteriori notizie.
Cordialità.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#7] dopo  
Utente
La ringraziò moltissimo Dottore.
In effetti dopo una cura di 6 mesi con Normast i problemi agli arti superiori e alla cervicale sono spariti.
Al momento ho solo problemi a gambe, piedi e nervo sciatico.
Rifaro' la RMN lombare e La aggiornero'
Un caro saluto