Utente
salve,
ho 37 anni e in seguito ad rm con contrasto mi è stato riscontrato una lesione che occupa (deformandolo lievemente con protusione laterale) il seno cavernoso di dx e si estende sia in sede paracavernosa che posteriormente lungo il clivus , impegnando la cisterna peripontina omolaterale ed improntando la corrispondente superficie ventrolaterale del ponte. l'angiorisonanza documenta inoltre le stenosi della porzione cavernosa dell'aci destra, che presenta un'estensione di poco inferiore ad 1 cm. Mi è stato detto che questo meningioma è inoperabile perchè si rischia di danneggiare i nervi ottici ed oculomotori e le vene che si trovano nel seno; inoltre che il meningioma è piccolo e quindi adatto ad essere trattato con radiochirurgia. cosa scegliere tra gamma knife e ciberknife? quali sono i rischi dell'uno e dell'altro? esistono altre alternative?
in attesa di una cordiale risposta,
ringrazio e saluto
mercedes

[#1]  
Dr. Marco Mannino

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CUNEO (CN)
TAGGIA (IM)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
CATANZARO (CZ)
MARINA DI GIOIOSA IONICA (RC)
PINEROLO (TO)
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
tecnicamente è un pò complesso speigare le differenze tra due apparecchiature nate ed utilizzate per la stessa finalità, cioè il trattamento radiochirurgico.
Personalmente, essendomi formato in un centro neurochirurgico dove la radiochirurgia con Gamma-Knife veniva eseguita quotidianamente le dico che questa metodica è nata appositamente per eseguire trattamenti sul cranio al contrario del Ciber-Knife che viene impiegato anche in altre sedi.
L'utilizzo della Gamma-knife prevede il montaggio di un casco steretoassico metallico in anestesia locale ed il successivo trattamento radiante dopo il centraggio della lesione con una RMN. Il fascio di raggi è concentrato prevalentemente sulla lesione, e pertanto risulta efficace e poco dannoso per le strutture nervose circostanti. Di norma vengono trattate tutte le lesioni, per le quali è dimostrato un beneficio dal trattamento, che non superino i 3 cm di diametro.
Certamente il seno cavernoso è una sede non più trattata chirurgicamente come una volta viste le più basse complicanze che si hanno con i trattamenti radiochirurgici.
Se va sul sito internet dell'Ospedale San Raffaele di Milano troverà una sezione molto completa dove c'è una descrizione dettagliata della metodica Gamma-Knife
Cordialità
Dr. Marco Mannino
Neurochirurgo
http://www.studiomannino.com