Utente
buongiorno ho fato una tac dove è risultato:Formazione a densità prevalentemente calcica (20-23mm) è apprezzabile aderente al margine interno della rocca petrosa dx riferibile a meningioma calcifico; la neoformazione esercita blando effetto massa sul tronco encefalico con obliterazione parziale della cisterna liquorale adiacente.
Non si riconoscono focalità parenchimali.
Strutture della linea mediana in asse.
Spazi liquorali normorappresentati.
ho consultato un nerologo che mi ha spiegato che non mki devo preoccupare sono cose benigne tipo cisti perchè la parola tumore mi aveva terrorizzato sono ragaza madre e ho 29 anni e mezzo ho una bimba di 4 anni e mezzo e cmq mi ha detto di toglierlo ora che sono giovane
vorrei sapere i rischi io ho avuto un'epatite c curata con interferone più di 5 anni fa e il virus è inattivo inoltre ho una nefrite per via pensa il nefrologlo del sovrappeso ora sono a dieta ho già perso 5 kg in 20 giorni sono stata in un centro nutriozionistico sono sotto controllo da un'endocrinologa per una forte peluria e da una dermatologa per una dermatite sopra gli occhi e nel petto...cmq i rischi dell'intervento e il periodo di ricovero e di riabilitazzione quale è e poi come potrei contattare il besta di milano io sono toscana prov arezzo ma preferirei andare in un posto dove venono fatti spesso e dove c'è un ottima equipe medica aspetto notizie

[#1]  
Dr. Nicola Benedetto

28% attività
16% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

Innanzi tutto sarebbe opportuno capire perchè ha eseguito una TC cranio.
detto questo la mia opinione è quella di sottoporsi a studio RMN encefalo con mdc (senta però il nefrologo sull'opportunità o meno di fare il contrasto). La Tc infatti è un esame che studia male la fossa posteriore e, data la sede della lesione, sarebbe indicato conoscere bene i rapporti tra il presunto meningioma e le delicate strutture poste nelle adiacenze. La RMN sarebbe inoltre più utile in futuro per un raffronto con successivi esami qualora decidesse di adottare una strategia attendista.
Cordiali saluti
Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#2] dopo  
Utente
avevo fatto la tac per un mal di testa e perchè non mi passava una tosse da circa un mese avevo fatto i raggi per vedere se c'era qualcosa che non andava e si è riscontrato qualcosa che c'era in testa allora ho fatto la tac ed è risultato quello che le ho scritto.
Per quanto riguarda invece il fatto della risonanza magnetica il mio medico curante con cui ne ho parlato non mi ha detto niente del fatto del contrasto della risonanza inoltre il neurologo mi ha consigliato dopo aver fatto la risonanza magnetica di parlarne con un neurochirurgo che viene ad arezzo e magari farmi consigliare un neurochirurgo o del besta di milano che mi è stato detto è un centro molto importante in italia o di un luogo firenze o roma o dove mi dirà di andare però ritiene che sia il caso di asportarlo vista la mia giovane età e visto che diciamo per quel che mi ha detto per ora non dà disturbi meglio toglierlo prima che provochi dei danni lei cosa mi consiglia mi può consigliare a quale centro rivolgermi io stò in alto casentino a 45 km da firenze in prov di arezzo..sono preoccupata e poi vorrei sapere i rischi che si corrono con tale intervento e i tempi di degenza in ospedale e i tempi di riabilitazione e che medicine si debbono prendere dopo e che disturbi si possono avere dopo ripeto sono preoccupata visto che ho una bimba piccola di 4 anni e mezzo...

[#3]  
Dr. Nicola Benedetto

28% attività
16% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signora,
il vero problema delle lesioni come la sua è la posizione. L'accesso chirurgico alla faccia posteriore della rocca petrosa non è dei più agevoli e può essere gravato da morbidità importanti come deficit a carico dei nervi cranici, soprattutto in lesioni calcifiche. Non sono completamete d'accordo sulla necessità di rimuovere subito la lesione. Credo che si possa seguire la lesione con esami seriati nel tempo e valutare l'eventuale crescita. Comunque, qualora decidesse di rimuovere il verosimile meningioma le consiglierei di rivolgersi ad un centro con un'esperienza adeguata per casi some il suo. Sono sicuro che qualsiasi collega cui si rivolgerà avrà l'onestà intellettuale di indicargliene uno.

Cordiali saluti
Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#4] dopo  
Utente
la ringrazio dottore io non capisco bene tutto quello che voi dottori potete sapere per esperienza in questo campo cmq spero vada tutto bene io decido in base a quello che mi viene consigliato sinceramente non posso decidere io sola se mi viene detto che è meglio asportarlo io seguo ciò che mi dice il neurologo e poi quello che mi verrà consigliato ognuno deve nel proprio campo consigliare per il meglio....magari la ricontatto se non le dispiace per farle sapere e per sentire anche un suo parere se non le dispiace grazie cmq dei consigli

[#5]  
Dr. Nicola Benedetto

28% attività
16% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
gentile signora

il mio consiglio era infatti di sentire l'opinione del chirurgo da lei interpellato. sono certo che la consiglierà bene.
resto a disposizione per ogni eventuale chiarimento.

cordialmente
Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio dottore per la disponibilità cmq sono molto preoccupata e per ora non riesco a tranquillizzarmi....le farò sapere appena fatto tutto ma ci vuole altri due mesi prima di riuscire a fare risonanza e a parlare con il neurichirurgo....cmq la ringrazio e le farò sapere anche se per ora devo aspettare con ansia tutto.
Grazie ancora a presto e una domanda volevo fargliela lo stesso che rischi reali ci sono in questi interventi

[#7]  
Dr. Nicola Benedetto

28% attività
16% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

a parte i rischi connessi ad ogni intervento chirurgico (legati all'anestesia, infezioni, etc..) un initervento in fossa posteriore presenta il rischio reale di lesioni ai nervi cranici. Proprio per questo è necessario rivolgersi a centri dotati di strutture e competenze necessarie.

Ci faccia sapere l'esito della RMN.
Nell'attesa le faccio un in bocca al lupo


Cordialmente

Dr. Nicola Benedetto
Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Universitaria Pisa
nicola.benedetto@gmail.com

[#8] dopo  
Utente
grazie dottore appena saprà qualcosa le farò sapere la ringrazio cmq di tutto a presto