Utente 562XXX
Salve, sono una ragazza di 21 anni e da dicembre dell'anno scorso ho dei forti capogiri. All'inizio di dicembre infatti, a seguito di una forte influenza ho iniziato ad avere decimi persistenti e capogiri (soggettivi, senza nausea). Ho fatto varie analisi ematiche, tutte risultate negative, non ho avuto infezioni. Circa 5-6 mesi dopo i decimi sono scomparsi, ma i capogiri sono aumentati sia per intensità che per frequenza, mi sento molto confusa e poco concentrata; inoltre talvolta ho dei forti mal di testa anche abbastanza invalidanti accompagnati da nausea e vomito, fotosensibilità. Sono stata dall'otorinolaringoiatra, ho fatto anche l'esame vestibolare e non mi è stato segnalato nulla. Mi è stato consigliato a causa anche dei decimi di farmi fare un'ecografia alla tiroide, anche qui non è stato riscontrato nulla. Alla fine sono stata mandata dal neurologo che mi ha fatto fare una risonanza magnetica all'encefalo, e le uniche anomalie rilevate sono state: cisti aracnoidea retrovermiana e paravermiana dx dello spessore massimo di 1, 5 cm, persistenza del cavo del setto pellucido e del cavo di Verga. La dottoressa mi ha riferito che secondo lei non può essere la cisti il problema dei miei capogiri e dei mal di testa, in quanto a suo parere sono dovute rispettivamente ad un problema di postura e ad una situazione tensiva dovuta alla scorretta chiusura della mandibola. Riguardo la ciste non mi ha detto nulla, non mi ha detto di evitare colpi al cranio o di monitorarla. Poiché il problema dei capogiri e delle cefalee persiste e non mi permette di vivere normalmente, chiedo a Lei una seconda opinione riguardo l'origine del mio problema e a chi dovrei rivolgermi per porvi rimedio.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazza,
solitamente le cisti aracnoidee sono asintomatiche. Nei rari casi in cui non lo sono si valuta l'opportunità dell'intervento che consiste nel drenare il liquido presente in modo da ridurre la pressione all'interno di essa.
A distanza non so darLe una indicazione terapeutica, ma intuitivamente ritengo che per i suoi mal di testa la causa va ricercata altrove.
Le consiglio di consultare un neurochirurgo e un Centro delle Cefalee.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano