Utente 579XXX
Gentili Dottori.

Mia moglie è stata operata per ben 2 volte alla schiena per una ernia espulsa (2015 e 2016).
Paziente diabetica nel 2018 ha cominciato ad avere problemi nella deambulazione ma è stata scartata l'ipotesi della neuropatia diabetica, comunque presente, in quanto il problema è soltanto alla gamba destra proprio la parte interessata dalle 2 operazioni.

Dopo un percorso riabilitativo presso la fondazione Santa Lucia a Roma da circa 3 mesi ha cominciato ad avvertire formicolii sempre più forti e presenti h24 alla gamba destra che terminano al 1 /2 dito del piede.
Con il tempo si sono aggiunte mioclonie che partono dal gluteo e percorrono tutta la gamba destra.

Dopo due infiltrazioni TAC guidate di cortisone e lidocaina su L5-S1 (80mg) la situazione è invariata e il neuroradiologo, che sconsiglia un intervento, ha detto bisogna attendere che il tutto si rimetta a posto da solo: ma questa non è vita per lei che tra l'altro è un medico radiologo.

L'ultima RM con mdc ha dato questo verdetto: Sono evidenti gli esiti di pregressi interventi chirurgici con emilaminectomia dx in L5-S1 dove è apprezzabile una evidente fibrosi epidurale che avvolge l'emergenza radicolare S1 e S2 sul lato di destra.
Si associa anche una protusione discale con estrinsecazione laterale e foraminale destra che determina un restringimento del forame di coniugazione L5-S1 di questo lato con una possibile compressione sulla radice L5 omolaterale.
Il reperto si associa anche una evidente alterazione di segnale di tipo edematoso dei due corpi vertebrali (L5-S1).

Per il neuroradiologo il problema potrebbe essere stato causato dalla fisioterapia che ha "stirato" la fibrosi epidurale definendola in S1 che è difficile da raggiungere anche per una infiltrazione.
Ma cosa si può fare per eliminare o ridurre la sua sofferenza?
Dato che i farmaci non hanno alcun effetto dovrebbe operarsi per la 3 volta con tutti i rischi che possono esserci data anche la patologia diabetica?

In attesa porgo cordiali saluti
Michele

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Egr. signor Michele,
bisogna visionare con attenzione la RM e valutare cosa sia successo durante e dopo gli interventi.
Se la causa è solo il tessuto cicatriziale che permane nonostante tentativi di effettuare una lisi e il dolore non scompare, temo che un nuovo intervento si imponga in quanto non è da escludere che la permanenza dell'ernia discale in L5-S1 possa essere la maggior responsabile piuttosto che la fibrosi.

Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, invio cordiali saluti
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano