Utente 481XXX
Buongiorno, ho 34 anni e a settembre 2019 per la seconda volta nel giro di 1 anno mi si è "bloccata" la schiena zona lombare.
Faccio una RM e ne esce che ho una "voluminosa ernia mediana e paramediana sinistra L4-L5 senza lacerazione dell'anulus, 2 protusioni una su L5-S1 e una su L3-L4.
Questa situazione mi ha causato anche una scoliosi sinistro-convessa lombare e l'attenuazione della lordosi.
Inoltre i dischi da L3 a S1 sono in fase degenerativa (nella lastra si vedono già neri a differenza degli altri che sono bianchi).

A livello sintomatico ho una forte sciatalgia che mi impedisce di stare in piedi correttamente e di dormire a causa del dolore alla gamba sinistra.

Mi è stata già fissata una discolisi con aspirazione del nucleo polposo per eliminare l'erina.
Lo stesso dottore mi ha sconsigliato di farla in caso vedessi qualche miglioramento.

Ho provato come primo step una terapia farmacologica che non ha funzionato, come secondo step ho provato un trattamento conservativo tramite esercizi mirati dall'osteopata, che in 4 mesi ha portato qualche lieve miglioramento.
Essendo così bloccato ormai da settembre è la soluzione migliore quel tipo di intervento?

Anche il mio medico di base me lo ha consigliato, mentre alcuni fisioterapisti me lo sconsigliano perchè andrebbe a danneggiare ulteriormente i dischi vertebrali.

Non ci sono altre terapie da poter provare prima?

Quello che mi spaventa un po è il fatto che il chirurgo prima di uscire mi ha detto "se vedi dei miglioramenti è meglio disdire l'intervento perchè visto l'età avrà delle ripercussioni future"
Al momento sono molto combattuto sul da farsi.

Grazie
Matteo

[#1]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Pur non avendo visionato le immagini, sono portato a credere che i disturbi algici siano in relazione alle "varie irregolarità" segnalate in corso di risonanza.
Anche io sono molto perplesso sulla eventuale discolisi (trattamento su cui non nutro particolare fiducia, visti gli scarsi risultati ottenuti da paz. da me successivamente visitati).
Probabilmente, Lei dovrebbe ottenere bebeficio da una asportazione "meccanica" della parte del disco degenerato e che, maggiormente, irrita la radice nervosa.
Naturalmente, il tutto andrebbe inquadrato dopo valutazione specialistica e visura delle immagini.
Cordialità.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#2] dopo  
Utente 481XXX

Grazie della tempestiva risposta!
Volevo chiederle cosa intende per asportazione "meccanica"?
Anche io sono poco fiducioso verso il trattamento di discolisi in quanto poi va a peggiorare la situazione del disco senza una certezza di effettivo beneficio.
Per quanto riguarda il dolore è appunto dovuto al fatto che l'ernia esce lateralmente e spinge sul nervo sciatico.
Lo specialista che ho visto mi ha subito proposto la discolisi forse perchè altre terapie meno invasive (tipo ozono) hanno poco senso nel mio caso.

[#3]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
"meccanica": nel senso che viene asportata (senza l'uso di sostanze chimiche/fisiche potenzialmente lesive) la parte malacica del disco, lasciando in loco la parte ancora "buona" del disco stesso perchè continui nella sua fisiologica funzione di ammortizzatore...
Cordialità.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#4] dopo  
Utente 481XXX

Da quanto ho capito durante il consulto con lo specialista la procedura dovrebbe essere proprio quella meccanica. Nel senso che viene "aspirata" l'ernia e parte del nucelo del disco (senza quindi tagliare) andando però a ridurre lo spessore del disco che è già abbastanza ridotto di suo.
In effetti durante il consulto non abbiamo mai parlato di ozono o altre sostanze da iniettare.
E' questa la procedura meccanica che intende anche lei? E' rischiosa avendo il disco in fase degenerativa?
Grazie

[#5]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Aspirata. E' un'espressione generica (in quanto, temporibus illis, si aspiravano veramente).
Bisognerebbe sapere che cosa intende precisamente il Collega con discolisi (laser...?).
Ma, in sostanza, quanto Le ho detto, non cambia sostanzialmente.
Cordialmente.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

[#6] dopo  
Utente 481XXX

Infatti come dice lei "discolisi" è abbastanza generica....durante il consulto mi ha spiegato a grandi linee la procedura, che prevede l'inserimento di un ago e conseguente aspirazione del nuleo del disco per eliminare l'ernia. Così facendo si riduce lo spessore del disco e si va ad eliminare l'ernia fuoriuscita. Questo è quanto mi ha detto il chirurgo, in ogni caso proverò a contattarlo per capire meglio.
Secondo lei prima di fare questo tipo di operazione c'è qualche altra terapia che posso provare?
Grazie

[#7]  
Dr. Vincenzo Della Corte

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Mi rifaccio a quanto già detto nei precedenti consulti.
Cordialità.
Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294