Utente
Buongiorno,
a seguito di una RM per un controllo all'orecchio sinistro (acufene pulsante) mi è stata diagnosticata una ciste aracnoidea.

Di seguito il referto:
Regolare morfologia e trofismo del tronco encefalico e degli emisferi cerebellari; reperto incidentale di piccola formazione cistica aracnoidea mediana-paramediana destra, del diametro equatoriale massimo anteroposteriore di 21 mm e laterolaterale di 20 mm, che divarica leggermente gli emisferi cerebellari senza determinare in queste strutture modificazioni morfostrutturali e di segnale che ne indichino sofferenza.
Liberi gli angoli pontocerebellari.
Regolare morfologia e decorso intracisternale e intracanalicolare dei complessi nervosi stato-acustico-facciali bilateralmente; non ci sono compressioni estrinseche né contatti vascolari su queste strutture; decorso dell'arteria cerebellare anteroinferiore destra, a cavaliere dei nervi cocleovestibolari, senza dislocazione dei nn.
VII e VIII, né contatto sulle n.
r. e.
z... Normale morfologia delle strutture cocleo-vestibolari dell'orecchio interno bilateralmente; integra la copertura ossea dei canali semicircolari superiori e laterali.
Non alterazioni di segnale nelle piramidi petrose e mastoidi bilateralmente.
La somministrazione endovenosa del mezzo di contrasto non determina potenziamenti di significato patologico lungo il decorso dei nervi e nel contesto delle strutture cocleovestibolari.
Non alterazioni focali di segnale, né impregnazioni contrastografiche patologiche nel contesto delle strutture encefaliche comprese nel campo di vista dell'esame.

Conclusioni: esame degli angoli pontocerebellari e della fossa cranica posteriore sostanzialmente nei limiti della norma; si segnala unicamente, come reperto incidentale, piccola cisti aracnoidea retrocerebellare paramediana destra che non determina significativi effetti
compressivi sull'antistante parenchima cerebellare.


Non ho particolari sintomi e ho mal di testa molto rari, comunque ho effettuato una vista da un neurochirurgo che dopo aver visto le immagini mi ha tranquillizzato sulla cosa, sostenendo che non devo operarmi e prescrivendomi sono un controllo tra un anno per vedere l'eventuale crescita della ciste.
Ho domandato al dottore se con la cisti che ho posso continuare i mie sport: judo e arrampicata sportiva.
La sua risposta è stata: "si, senza problemi".

I miei dubbi pero rimangono:
Posso effettivamente continuare a praticare judo? Incorro a particolari rischi e pericoli?

La cisti potrebbe crescere?
devo preoccuparmi della sua evoluzione?

Nel caso in futuro dovessi operarmi, ho particolari controindicazioni?


Grazie davvero per il vostro aiuto.

Un cordiale saluto

[#1]  
Dr. Luca Basaldella

20% attività
8% attualità
8% socialità
TREVISO (TV)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2017
Nella maggior parte dei casi sono cisti di origine malformativa, raramente crescono, non danno fastidio e non determinano controindicazioni alla vita normale e sport. Il controllo ad 1 anno è proprio x scrupolo ma sarà tale e quale
Dr. Luca Basaldella- Neurochirurgo