Utente
Buonasera,
Scrivo per alcuni problemi muscolari che riscontro da 4 mesi che non riesco bene ad interpretare e chiedo gentilmente un indirizzo da seguire.


Durante la quarantena ho fatto parecchio sport a casa, dopo un mese ho iniziato ad accusare dei dolori alla schiena e dei bruciori\ alterata sensibilità alla coscia anteriore destra.

Questo dolore é durato per un po' così ho deciso di indagare: sono stata dal ginecologo per fare un controllo pensando potesse dipendere dalle ovaie ma avendo fatto eco e pap test é risultato tutto nella norma.

Ho fatto allora delle analisi del aangue abbastanza approfondite ma tutto era ok.

Allora la dottoressa mi ha detto che probabilmente partiva dalla schiena e mi ha dato un antidolorifico che ho preso per circa 10 giorni.

Non ho mai avuto difficoltà a camminare o a muovermi però il bruciore e formicolio alla coscia e la sensibilità alterata erano fastidiose.

Dopo la cura con l'antinfiammatorio il fastidio alla coscia é quasi del tutto passato ma adesso ho altri fastidi: tensione ai polpacci (la stessa gamba dei disturbi alla coscia) come se stesse per arrivare un crampo ma non arriva, idem accade alla parte interna del piede.

Il dolore non é costante 24 ore su 24 ma abbastanza presente nel corso della giornata.

Non ho però problemi la notte, dormo tranquilla senza avvertire dolori.

Un altro fastidio che accuso é al mignolo e anulare della mano, li sento come meno agili degli altri e a seconda della posizione che assumo si addormentano completamente (mi capita la notte).

Sono andata nuovamente dalla dottoressa e mi ha prescritto una radiografia alla schiena e alla cervicale; risultato: lordoso cervicale e leggera scoliosi.


Mi ha consiglito pilates e di rilassarmi, magari un ortopedico per il fastidio interno al piede, ma niente di che.
Spesso ho problemi alla lingua, la sento come se si attorcigliasse mentre parlo e stringo i denti spessissimo giorno e notte involontariamente.


Pensavo di andare dal neurologo ma chi mi sta vicino e anche la dottoressa ritengono che sia un problema psicosomatico (ho avuto diversi problemi con l'ansia negli anni e sono in cura da una psicoterapeuta).

Dr google non ha aiutato per niente: trovavo solo SLA o SM e mi sono parecchio spaventata
É il caso di andare da un neurologo o attendo semplicemente?

Ripeto, ho questi problemi da 4 mesi ma non ho mai riscontrati problemi nel fare le cose, o camminare, solo i sintomi sopra descritti e a volte la sensazione di braccia o gambe deboli che però non influenza attività fisica.
Non mancano però formicolii sparsi (a volte schiena, a volte pancia, a volte coscia, a volte piccole fascicolazioni).

Sono una persona purtroppo che soende tanti soldi in visite mediche, cercavo quindi di essere forte questa volta e di risparmiare tutto il ciclo.

Chiedo quindi un consiglio, dovrei prenotare una visita neurologica?

Ne ho già fatta una nel 2014 ma credo che ormai sia passato tanto tempo.


Vi ringrazio di cuore in anticipo

[#1]  
Dr. Ettore Sannino

24% attività
20% attualità
12% socialità
CASERTA (CE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Buonasera, faccia una RM ad alto campo dell'encefalo senza mdc. Se negativa, segua decisamente la strada del disturbo psicosomatico.
Dr. Ettore Sannino

[#2] dopo  
Utente
Buonasera, la ringrazio per la risposta.
Ritiene che io possa saltare la visita neurologica e che sia necessario fare una RM all'encefalo? I sintomi non fanno ben sperare?
Grazie per il consiglio
Un saluto