Utente 109XXX
buongiorno, sono a chiedervi un aiuto su chi secondo voi è in grado di risolvere nel migliore dei modi la patologia di mia moglie.Eta 40 anni.Portatrice di MAV occipitale sx delle dimensioni di 5-6 cm.Classificata di cat. 4/5.Coinvolge tre arterie afferenti e le vene di drenaggio si trovano in profondità, vicino al tronco cerebrale.La mav interessa il campo visivo e sembra sfiorare la zona del linguaggio.Aluni hanno detto che sarebbe meglio definirla come MAV occipito-parietale sx.Dalla Angiografia non risulterebbero esserci aneorismi intranidali.
Dalle ricerche e dale visite che finora ho fatto ho capito che il nostro problema non è cosi comune, mav di questo tipo non se ne vedono tante: tutti finora ci hanno consigliato di trattare (seppur in modo combinato enbolizzazione+chirurgia o embolizzazione +radiochirurgia)nonostante l'alto rischio confermato, in quanto il rapporto rischio trattamento/rischio naturale della malattia sembra essere a favore dei primi.
Siccome in tutti i posti dove sono stato mi è parso di vedere un certo timore nel gestire il problema e nessuno mi ha dato indicazioni al riguardo su dove sarebbe meglio rivolgersi per trovare specialisti che abbiano alle loro spalle numerose casistiche identiche alla mia,ho pensato di chiedere a voi se gentilmente mi potreste indicare quali potrebbere essere i dott. piu specializzati a livello europeo e italiano a cui potrei rivolgermi.
Ringraziando per la vostra cortesia porgo distinti saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Zingale

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
La reticenza che ha incontrato è dovuto al fatto che il trattamento per quel tipo di MAV non è codificato ed implica probabilmente un coordinamento pluridisciplinare.
Dr. Antonio Zingale

[#2]  
Dr. Marco Mannino

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
CUNEO (CN)
TAGGIA (IM)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
MARINA DI GIOIOSA IONICA (RC)
ALBA (CN)
PINEROLO (TO)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Caro Signore,
improvvisarsi a trattare una delle patologie più complesse della neurochgirurgia come le MAV può portare (a causa di evidenti abbagli di presunzione) a commettere grossi errori e conseguenti danni nei confronti del paziente. E' per questo che anche il sottoscritto, quando diagnostica una MAV che ritiene di non essere in grado di gestire si rivolge a colleghi di comprovata esperienza in questo settore.
Ritengo che il collega (e mi fregio di un titolo che non mi spetterebbe, vista la sua profonda preparazione nel settore) sia il Dott. Renato Scienza della Neurochirurgia Ospedaliera di Padova.
E' il neurochirurgo italiano con l'esperienza più documentata nel trattamento delle malformazioni vascolari.
Cordialità
Dr. Marco Mannino
Neurochirurgo
http://www.studiomannino.com