Utente
Gentilissimo Dottore,

questa mattina ho ritirato la RMN encefalo, ho 84 anni.
Qui di seguito Le riporto il referto:

"Esame condotto con sequenze multiplanari T1 e T2 pesate.

Si osservano multiple alterazioni degenerative infartuali della sostanza bianca
sovratentoriale.
Non si documentano alterazioni del parenchima cerebellare e del tronco encefalico.
Modico ampliamento delle cavità ventricolari.
Strutture mediane in asse.

Conclusione: leucoencefalopatia multi-infartuale sovratentoriale."

Che cosa significa? Quali conseguenze può portare? Esiste una cura?
Un'ultima domanda, dopo Natale dovrei andare in montagna a Livigno (circa 1800 mt di altezza). Ci sono delle controindicazioni per l'altezza?

La ringrazio anticipatamente e Le auguro Buon Natale!
Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in passato Lei ha avuto delle piccole ischemie cerebrali passate probabilmente inosservate. Il mio consiglio è di effettuare una visita neurologica per impostare un'adeguata terapia soprattutto antiaggregante (se ancora non la fa). Inoltre mantenga sotto controllo pressione arteriosa, glicemia e colesterolo, pratichi, se possibile, attività fisica e una dieta povera di grassi.
Se le condizioni cardiache sono buone non dovrebbero esserci problemi per l'altitudine.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

La ringrazio infinitamente per la Sua risposta.
Io soffro di colesterolo piuttosto alto (colesterolo totale 285, HDL 43, LDL 168 e trigliceridi 309), non ho avuto grazie al cielo infarti ma soffro di fibrillazioni ogni tanto (ogni 2/3 mesi circa).
Ho avuto un paio di episodi durati qualche minuto in cui non ero più in grado di sentire e rispondere ai miei familiari che mi chiamavano e mi scuotevano, loro mi hanno raccontato che era come se dormissi ma non riuscivano a svegliarmi. Il primo episodio è successo al mare circa 3 anni fa e il secondo e l'ultimo circa un mese fa.
Prendo dei farmaci, Neo Lotan per la pressione e Efexor per l'ansia, la notte per dormire prendo qualche goccia di Lexotan.

Questo può portare conseguenze gravi o pregiudicare la mia autonomia?

Dottore grazie ancora, aspetto una Sua risposta.
Tanti auguri di Buon Natale.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la fibrillazione cardiaca può provocare queste piccole ischemie cerebrali, ne parli al cardiologo. Nel contempo dovrebbe iniziare una terapia anticolesterolemica e antiaggregante. Mi sembra strano che ad oggi non Le hanno prescritto ancora l'antiaggregante. Comunque faccia la visita neurologica. Per quanto riguarda la Sua autonomia, non si può prevedere il decorso ma in linea di massima la Sua patologia potrebbe stabilizzarsi, se ben curata e se non sopraggiungono fattori imprevisti.

Cordialmente ricambio gli auguri natalizi
Dr. Antonio Ferraloro