Utente
Buonasera sono un ragazzo di 21 anni. Devo dire che nell'ultimo anno non mi sono sentito più lo stesso: tutto partito da stanchezza che portò ad una sincope convulsivante neuromediata (accertata tramite esami un anno fa e tilt test al cuore poco tempo fa). Un anno tra dolori muscolari(spesso intercostali) vari,mal di schiena,senso di stordimento... Vari sintomi che nell'ultimo periodo sono tutti assieme e non mi danno pace. Devi dire che varia a giorni però non c'è mai un giorno tranquillo.Ora descivo un pò i vari sintomi.Allora io mi sento spesso stanco anche appena alzato dal letto,sento le gambe pesanti (non sempre cmq),mi sento stordito,ossia come avere la percezione distorta ma sono comunque abbastanza lucido e ben presente (es guido,parlo scherzo, ma sento sempre che non sono al 100%).Ho dei momenti in cui sono rilassato che mi sento delle fitte su tutto il corpo:tempo fa era solo al braccio sx e zona intercostale,; ora invece sento specie fitte anche sul piede sx,coscie,zona lombare ecc. Ho fatto visita cardiologica,ECG,titl test e tutto ok tranne il fatto che mi hanno detto che sono soggetto a sincopi neuromediate ma i sintomi premonitori di tale patologia non li sento mai tanto che,nel tilt test, mi hanno fatto svenire farmacologicamente. Devo sottolineare la sensazione di sentirsi a volte agitati anche se non c'è nessuna causa. Non ho tachicardia, ma il battito seppur regolare di frequenza si innalza di intensità tanto che lo sento nelle dita delle mani. Una stanchezza generale caratterizzata anche da numerosi formicolii agli arti inferiori.La mia idea è quella di avere un problema vascolare perchè passare dallo stare bene allo stare male velocemente mi pare strana apparte il fatto che quando pratico attività sessuale o masturbazione,al momento dell'eiaculazione non riesco a tenere gli occhi aperti e questo mi fa pensare a un problema di circolazione(anche se il cuore è ok).lo stato di malessere mi viene anche quando guido,cioè mi stordisce e non so bene il cosa sia perchè ci vedo benissimo.Sembra quasi che vedere movimenti veloci mi provochi capogiri,ma è tutto cosi vago e non so proprio che fare. Per concludere l'ultimo sintomo che avevo anche un anno fa ma che ora si presenta è un senso di pesantezz ogni volta che mangio: la sensazione di essere pieni all'esofago,non mal di stomaco,la quale mi fa spesso digerire male e non; ed ogni tanto capitano 5 minuti di dolore pazzesco nella zona torace e penso sia il reflusso gastrico.A livello psicologico penso di essere un pò stressato anche se non conosco bene la situazione;sono facilemente irritabile. Questi sono tutti i sintomi e devo dire che ultimamente li ho tutti,solo che variano a giornate. Chiedo scusa per la poca precisione ed esposizione del testo ma non so più che fare. Attento una risposta e grazie mille

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi sembra che i Suoi sintomi possano assimilarsi a somatizzazioni di origine ansiosa, anche se Lei non avverte ansia. Le consiglio di effettuare una visita neurologica per escludere eventuali problemi organici.
Una volta esclusi questi, e con gli accertamenti cardiologici negativi, ci si può orientare sul versante psicosomatico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta. Tengo a dire che dopo l'episodio di sincope convulsivante accertata tramite esami neurologici(tac,visita,eeg ecc) ho fatto la visita neurologica di controllo (quello classico senza esami ma solo metodo clinico) 9 mesi dopo e mi hanno detto tutto ok con consigliata visita oculistica visto che riferivo stanchezza e stranezza occhi.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

allora Le consiglio di effettuare una visita psichiatrica per inquadrare il problema, avere una diagnosi e una terapia.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro