Utente
La ringrazio molto Dottore della risposta.
All'inizio prendevo l'adepril solo al bisogno, quando sentivo questa confusione alla testa, unita a stordimento e capogiri, ultimamente, essendo ricomparsi i sintomi ho preso l'adepril per cicli di 5 giorni per due settimane. Nel mezzo della cura i sintomi di cui le parlavo non erano del tutto spariti, ora da un paio di giorni mi sento meglio. Voglio precisare che la cura l'ho finita proprio ieri.
Volevo chiederle se ciò che mi è accaduto in macchina, cioè quel senso di forte oppressione alla testa, non dolore, con l'assoluta difficoltà a tenere gli occhi aperti è riconducibile alla cefalea tensiva. Ho dovuto fare una sosta perchè temevo di addormentarmi di colpo in macchina. E la testa continuava a essere confusa e disorientata.
Dalle ultime analisi del sangue fatte è risultato che ho appena superato un episodio di recidiva di mononucleosi di cui avevo già sofferto da bambino. Infatti ho passato una settimana con stanchezza cronica e febbre alta circa un mese fa.
La ringrazio moltissimo della cortesia dimostrata.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

ho l'impressione che l'adepril sia stato assunto in maniera impropria, nel senso che non è razionale l'assunzione al bisogno o per cicli di 5 giorni. L'adepril va assunto continuativamente per alcuni mesi, tutti i giorni, altrimenti l'efficacia non si potrà mai manifestare. Ecco perchè i continui alti e bassi dei Suoi sintomi. Circa l'ultimo episodio, con tutti i limiti del consulto a distanza, è possibile assimilarlo alla cefalea tensiva. Quale dose di adepril assumeva?
In ogni caso è sbagliato il tipo di assunzione praticato.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro