Utente
Mia madre (82 anni) ha appena fatto una TAC encefalo ed ha avuto il referto, senonchè il suo medico torna in settembre.
Qualcuno potrebbe cortesemente tradurre in italiano quanto sotto, spiegando almeno se c'è o no di che preoccuparsi?
Il tutto originato da capogiri. Non risultano gli insulti vascolari, o almeno non sono stati percepiti come tali dal soggetto.
Indicato consulto su diagnosi, in mancanza di voce per referto.
Grazie...

Non effetti massa nè alterazioni tomodensitometriche iperdense parenchimali evidenziate.
Diffusa ipodensità della sostanza bianca periventricolare sottocorticale e profonda di entrambi gli emisfericerebrali di significato leucoencefalopatico cronico.
Bilateralmente, in sede nucleo-capsulare, si apprezzano subcentimetriche cavità poroencefaliche da esiti di pregressi insulti vascolari.
Regolare morfologia e simmetria dei ventricoli laterali.
Sistema ventricolare in asse al III e IV ventricolo.
Dilatazione degli spazi liquorali superficiali e profondi su base atrofica.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

alla mamma sono stati riscontrati piccoli pregressi eventi vascolari che probabilmente sono passati inosservati. Inoltre viene evidenziata una sofferenza della sostanza bianca ed una riduzione (perdita) di neuroni cerebrali (atrofia).
Questo reperto purtroppo è frequente in soggetti anziani.
Faccia visionare le immagini ad un neurologo anche per una correlazione clinica diretta ed eventuale terapia, qualora fosse ritenuta opportuna.

Cordiali saluti ed auguri per la mamma
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Non mancherà appena possibile, era solo per vivere l'attesa con un pò meno angoscia.
Molte grazie.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

tranquillizzatevi perchè spesso un paziente con un referto del genere non ha un correlato clinico evidente, cioè una sintomatologia importante e, a volte, è pure asintomatico (senza sintomi che possano essere giustificati dalle alterazioni riscontrate).
Importante è tenere sotto controllo pressione arteriosa, glicemia, colesterolo e trigliceridi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro