Utente
Gent.mi,
riporto l'esito dell'esame TAC all'encefalo eseguito da mia madre di 66 anni, richiesto dal neurologo, in seguito a riferito (dai familiari) progressivo calo di memoria, cambiamenti di umore, disinteresse e iniziale ma progressivo disorientamento spazio-temporale:
Marcata simmetrica distensione degli spazi liquorali peri-encefalici ed, in particolare, delle cisterne pre-frontali da atrofia cerebrale. Note di iperostosi frontale interna. Non segni di idrocefalo ne' di sanguinamento cerebrale. Sistema ventricolare in asse. Minime aree di micro ipodensita' malacica a carico della sostanza bianca di destra piu' che di sinistra.
Ha effettuato esami completi per tiroide, vitamina B12..., risultati nella norma...non ha effettuato RM.
I fenomeni di dimenticanza associati a perdita di interesse nelle azioni quotidiane (fare la spesa, uscite, cucinare...) sono comparsi gia' da 3-4 anni.
Di cosa si puo' trattare?
In attesa di una cortese risposta, Vi ringrazio fin d'ora.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dalla TC cranica si rilevano fenomeni di atrofia cerebrale, cioè di perdita di neuroni. Questo elemento può giustificare i deficit di memoria che accusa la mamma. In ogni caso va fatta una visita neurologica per una diagnosi corretta ed eventuali test neuropsicologici per valutare l'entità del fenomeno.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Antonio Ferraloro