Utente
Salve gentili Dottori e complimenti per il servizio.
sono Valerio ed ho 39 anni di Rimini.
cercherò di sintetizzare i miei sintomi che sono di una varietà imbarazzante, e si presentano a periodi, ovvero, risolto uno ne compare un'altro con un susseguirsi ciclico che dura oramai da qualche hanno.
premetto che tutti questi disturbi non sono mai tali da inficiare la normale vita quotidiana ma stanno invece seriamente minando la mia salute psichica! questo si.
sono sempre stato ansioso ma a causa di questi continui disturbi lo sto divantando sempre più.
si va dai disturbi digestivi con reflussi periodici, leggeri dolori di stomaco, coliti, per passare a quelli di origine ansiosa come sensazioni di panico, tachicardie, fiato corto ecc.. fino ad arrivare a quello per cui scrivo oggi, e cioè cefalea, disturbi visivi come leggera sfuocatura o tremolio delle immagini, a volte anche la sensazione di procedere a scatti, senza la normale fluidità muscolare, ma sopratutto ultimamente ho delle vertigini della durata di 1/2 secondi, si manifestano durante i movimenti o seduto, disteso non ho nessuna vertigine e una sensazione di sbandamento o disequilibrio, leggera e continua, tipo mal di mare, o comunque la sensazione di avvertire i movimenti che il corpo fa per mantenersi normalmente in equilibrio, sensazione di orecchie ovattate, e malessere generale.
visite eseguite ultimamente:

esami sangue
RM encefalo
rx addome
eco addome
visita oculistica
visita otorino completa
eco cardio
TUTTO NEGATIVO!
+8 sedute psicologo (che mi ha aiutato molto a controllare l'ansia ma forse non basta?...)
la mia personale quanto inutile opinione mi indirizza verso una cefalea tensiva di origine cervico/somato/psichica (perdonerete il termine non troppo tecnico)

a questo punto, come riportato gogliardicamente nel titolo, ci vuole un bravo "dottor house", che mi indirizzi su una terapia che possa aiutarmi a risolvere i miei "problemini" che, nonostante io sia un agonista di professione con una certa volontà e un innato ottimismo, stanno iniziando a darmi fastidio, se non altro perchè tengono la mia mente costantemente concentrata sul mio stato fisico e non ho intenzione di vivere chiuso dentro di me ad osservarmi in continuazione!

sperando di non avervi annoiato vi saluto e ringrazio anticipatamente!
Valerio
Rimini


[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dal Suo racconto si evince un notevole stato ansioso avvalorato anche dalla negatività di tutti gli esami diagnostici effettuati. Un'ulteriore conferma viene dal supporto psicologico che ha avuto e che l'ha aiutata.
Probabilmente però solo il supporto psicologico, nel Suo caso, non è sufficiente e si dovrebbe associare anche una terapia di tipo farmacologico. Pertanto Le consiglio di rivolgersi ad uno psichiatra per avere una diagnosi corretta ed un'adeguata terapia.
Per quanto riguarda la cefalea, l'ipotesi che sia di tipo tensivo è probabile ma andrebbe valutata mediante una visita diretta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro