Utente cancellato
Pregiatissimi/e specialisti/e,
siccome a metà ottobre ho un concorso che verte su di un volume molto corposo (700 pagine circa) mi stavo chiedendo se esisteva in commercio un prodotto/farmaco in grado di far "memorizzare meglio concetti-formule-numeri".
Al tempo c'era la fosforilserina ma in tanti mi hanno detto che non ha alcun potere.... non fà nulla di nulla.....
Mi potreste indicare una molecola valida??
In 20 giorni devo fare miracoli.....
Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non esistono ancora farmaci in grado di potenziare la memoria. In commercio ne vengono pubblicizzati parecchi ma senza evidenze scientifiche serie. A volte però esiste un effetto placebo ed il soggetto che utilizza questi prodotti ritiene che abbiano una certa efficacia.
Da qui a ottobre restano solo 20 giorni?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
250010

dal 2012
Pregiatissimo Dottore,
innanzitutto grazie per la risposta.
La mia mente voleva scrivere giugno ma in effetti le mie mani hanno scritto ottobre...boh saranno i primi sintomi della tensione: in effetti è giugno e mancano ahimè pochi giorni.
Altra domanda: assumere prazepam 20 mg può essere deleterio per la capacità di memorizzare?
Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

perchè dovrebbe assumere il prazepam? E' stato prescritto dal medico?
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
250010

dal 2012
Si dottore,
ad essere sincero mi sono sottoposto a tre visite neurologiche da tre neurologi diversi: ottenendo tre terapie diverse.
Esami strumentali eseguiti:
*****RMN Encefalo con mdc (tutto in norma).
*****Elettromiografie arti superiori ed inferiori (tutto in norma a parte un leggero deficit arto inferiore sinistro al 99% causato da una mia ernia discale).

Diverse terapie date dai tre neurolgi:
Neurologo A: Sertralina.
Neurologo B: Neuleptil.
Neurologo C: Prazepam.

Escludendo le (credo fisiologiche) titubanze prodotte da tre terapie dverse, Le posso dire che il neurolettico Neuleptil non l'ho mai assunto, la Sertralina (vorrei assumerla ma devo ancora prendere coraggio data la lunghezza della cura) ed il Prazepam lo assumo "a bisogno".
Perchè?
Beh essenzialmente perchè sono molto ostico a divenire un farmaco-dipendente (se a 34 anni sono così a 70 devo girare con un flebo portatile???).
I miei disturbi erano/sono:
-fitte all'interno dell'encefalo associate a senso di mancamento.
-Impacciamento della parola (a volte).
-debolezza e tremore alle braccia ed alle gambe.
Sono consapevole di avere una storia clinica un pò anomala e sono altresì consapevole che una cura deve essere fatta costantemente e non a singhiozzo: vedrò di prendere il coraggio in mano e di fare la Sertalina in modo corretto.
Lei cosa ne pensa di tutto cio?
Con la speranza di non averLe procurato un'emicrania La ringrazio per i consigli che mi darà.
Grazie.


[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

innanzitutto La rassicuro, al momento nessuna emicrania.
Come Lei certamente sa, on line è vietato consigliare farmaci perchè non si conosce a fondo il paziente e le sue problematiche (aggiungerei nemmeno superficialmente).
Capisco la Sua titubanza nella scelta della terapia prescritta da tre specialisti diversi ma sinceramente non Le posso consigliare un farmaco piuttosto di un altro.
Quale diagnsi Le è stata fatta?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
250010

dal 2012
Sono tutti e tre orientati a problemi "non organici" ma "somatici": in sostanza non rilevano (speriamo davvero che abbiano ragione) problemi strutturali del cervello e/o dei nervi ma sono orientati più sulla psiche (non avendo cultura medica mi sono spiegato come potevo, come ero più capace).
Sono consapevole che dinnanzi ad inagini di diagnostica per immagini (RMN encefalo con mdc in noma) e indagine elettromiografiche( EMG ai quatto arti pressochè in norma) venga spontaneo dire:<<Psicosomatico>> ma....sarà vero al 1000/1000????
Le spiego in un breve "monologo immaginario" tra me (Paziente P) ed i vari specialisti (Medici M) i miei problemi/sintomi/stati d'animo:
P:<<Dottore guardi ho male al braccio>>.
M:<< No, no guardi stia tranquillo lei è vivo>>.
P:<<No, ma....Dottore io ho male>>.
M:<< Tranquillo lei è vivo>>.
P:<<Dottore, è ovvio che sono vivo, ma io ho male!!!!>>.
M:<< Abbiamo fatto esami ed analisi ed è tutto a posto. Lei stà bene ed è vivo.>>.
P:<< Sarà Dottore, ma io stavo male prima e continuo a star male ora>>.
Il fattore psicosomatico può essere davvero responsabile di fitte (all'interno della testa, al torace, e a volte all'interno dei muscoli) senso di mancamento improvviso (come se ciò che vedo si fermasse in un "fermo-immagine" ed io impotente ho la sensazione di essere attratto a terra) senso di "testa pulsante" (come se le contrazioni non le facesse il cuore ma l'encefalo).
Boh se il potere della psiche è di tale portata....Beh non so che dire
Grazie per la Sua gentilezza e pazienza.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il copione è degno di un grande Autore teatrale, complimenti!
Le devo pure aggiungere che la mente è capace anche di molto "peggio", e poi i sintomi descritti sono frequentemente associati a situazioni ansiose, psicosomatiche.
Considerato che non Le posso consigliare (sarebbe davvero esagerato) un quarto specialista, ne parli col Suo medico curante se Le può suggerire quale dei farmaci prescritti potrebbe assumere.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
250010

dal 2012
Pregiatissimo Specialista,
La ringrazio per il consiglio e sopratutto La ringrazio per la Sua costante cortesia e disponibilità.
Grazie.