Utente
gentili dottori, ho 46 anni, a seguito di un lieve stato depressivo, iniziato alcuni giorni fa (nel corso del quale la mia libido è andata lo stesso a gonfie vele), mi è stato prescritto SEREUPINI 20 mg, che, come effetto collaterale, mi provocava una totale assenza di libido e scarsissima erezione. Il neurologo, allora, mi ha cambiato farmaco, prescrivendomi il SAMIR 400. La situazione, però, non è cambiata o, quantomeno, la libido è tornata in modo assai altalenante e sta di fatto che non appena, al mattino (ho iniziato da 3 giorni), assumo il SAMIR, ogni mio desiderio scompare. Escludo, ripeto, che il tutto possa essere legato a questo mio leggero stato depressivo, poichè, è provato da me stesso, la mia libido è stata perfetta. Questa situazione, ovviamente, mi fa soffrire molto e sono molto preoccupato. Cosa posso fare ? Naturalmente l'assenza di libido aumenta A DISMISURA il mio stato di prostrazione. Cosa mi sta succedendo ? vi prego, aiutatemi e ditemi se, eventualmente, soffro di una ipersensibilità a questi farmaci, tanto che pure il SAMIR può procurarmi questo effetto collaterale. In ultimo vi chiedo: dovrei fare degli esami ormonali per accertare il mio livello di libido e, soprattutto, si può essere affetti da una patologia della libido, quando ci sono momenti, soprattutto nel pomeriggio, a molte ore di distanza dall'assunzione del SAMIR, che la mia libido ritorna come prima ? Vi prego, rispondetemi nel modo più chiaro ed esaustivo possibile, ve ne sarei davvero grato. Mi dareste una grossa mano. Aiutatemi.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il sereupin può causare come effetto collaterale alterazioni della libido, per il samyr invece non sono riportati questi effetti. Infatti la sua molecola (ademetionina) è largamente presente nel nostro organismo a prescindere dall'assunzione dall'esterno come farmaco. Nel Suo caso si potrebbe trattare di un problema di tipo psicologico (suggestione) originato durante la precedente esperienza con il sereupin. Infatti la situazione migliora dopo alcune ore dall'assunzione, cosa che invece per il sereupin o altri farmaci che possono presentare questo effetto collaterale non succede.
Ciò non toglie che, se il disturbo dovesse persistere, possa consultare un andrologo.
In ogni caso ne parli col medico che ha prescritto il farmaco.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, potrebbe anche essere un problema ormonale e, in ogni caso, esistono dei rimedi ? e se si quali ? oppure sono destinato a rimanere in questa situazione per sempre ? la prego....mi risponda perchè sono molto preoccupato.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se il problema è insorto dopo l'assunzione del sereupin è poco probabile che ci sia un'alterazione ormonale ma, nel caso ci fosse, sarebbe curabile. In questo caso lo specialista di riferimento è, come Le dicevo nel post precedente, l'andrologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore, aimè, per mera dimenticanza ho omesso di dire che attualmente assumo, prima di andare a letto, MEZZA COMPRESSA DI XANAX RP (rilascio prolungato), da 1 mg. Cioè assumo ogni sera 0.5 mg di Xanax. Può dipendere da questo farmaco (in modo concreto ed attendibile e non solo in maniera puramente teorica) il mio problema di assenza di libido che tanto mi assilla. Mi auguro tanto che mi risponda presto. Grazie

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

tra gli effetti collaterali dello xanax ci possono essere disturbi erettili ma la riduzione della libido nel Suo caso è più probabile che sia di tipo psicologico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro