Utente
Salve, premetto che è una domanda molto importante.
Vorrei sapere se assumendoli insieme, l'Amiloride e il Bumetanide vanno in conflitto tra di essi. Inoltre vorrei sapere se uno di essi o entrambi, vanno a bloccare e/o rallentare l'azione del calcio preso in compresse( calcarea phosphorica).
Infine vorrei aggiungere se L'Atorvastatina può causare a grandi dosaggi sintomi demielinizzanti con succesiva difficoltà di parlare (disfasia).
Vi ringrazio per la vostra gentilezza, spero di avere una risposta.
Distinti saluti.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
le domande che ci pone sono molto specifiche ed abbastanza lontane dalla comune pratica urologica. D'ogni modo, non credo proprio che i due diuretici possano entrare in conflitto, visto che ne è stato proposto l'uso associato nella terapia dello scompenso cardiaco. Per quanto riguarda il metabolismo del calcio, teoricamente dovrebbero comportarsi in modo opposto, l'amiloride dovrebbe ridurre la perdita renale di calcio, mentre la bumetanide dovrebbe aumentarla. Non dovrebbe comunque trattarsi di azioni particolarmente drastiche, ovviamente dipende dai dosaggi dei farmaci. La possibile azione demielinizzante delle statine è nota, ma dovrebbe essere uno degli effetti collaterali meno frequenti.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dell'immediata risposta.
Vorrei chiederle se il sintomo associato alla demielinizzazione da statina(atorvastatina ad esempio), può essere più frequente e/o più probabile ad un dosaggio molto alto( un massimo di 80 mg/die) su un paziente senza problemi di ipercolesterolemia.
Ricapitolando in breve, quei sintomi, con un dosaggio molto alto di statine su un paziente sano, senza colesterolo alto, sono più probabili, o comunque quasi comuni, soprattutto dopo mesi di assunzione?
La prego di rispondere, distinti saluti e grazie per la sua immensa gentilezza e competenza.

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
ho fatto in modo che a questa sua domanda così circostanziata, che esula completamente dalla nostra specialità, possa risponderle un Collega più competente.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Grazie. Mi dica allora in che Campo devo postare la domanda, in modo da avere una risposta completa.
Distinti saluti.

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
la sua domanda è stata spostata in Neurologia, dove sono certo potrà trovare al più presto una esauriente risposta.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la possibilità che l'atorvastatina causi una demielinizzazione è molto rara.
Nella mia carriera non ho mai visto questo effetto collaterale. Comunque può essere possibile in quanto il colesterolo è un componente della mielina e una riduzione dei livelli potrebbe comprometterne l'integrità. Questa situazione si verificherebbe per dosaggi elevati e per periodi molto prolungati (Le ricordo sempre che stiamo parlando di casi rari).
I casi riportati però non segnalano disfasia ma episodi di amnesia (disturbi della memoria) reversibili con la sospensione del farmaco.
Non ci sono studi, di mia conoscenza, che valutino questi effetti tra pazienti con ipercolesterolemia e pazienti normocolesterolemici.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro