Utente
Soffro di nevralgia facciale atipica da 7 anni, i dolori sono iniziari dopo intervento di implantologia molari inferiori. Dopo 2 anni ho tolto gli impianti ma il dolore non è passato.Tutti gli esami che ho fatto non danno esiti particolari, ma il probblema dolore rimane sempre pur assumendo NEURANTI 400 per 3 e TRAMADOLO. Ormai ho quasi perso la speranza di riuscire a togliere il dolore. Chiedo a Voi se esistono nuove terapie per questa patologia e se posso sperare in qualche beneficio.
Grazie

[#1]  
Dr. Luciano Arena

20% attività
0% attualità
0% socialità
NOVI LIGURE (AL)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Gentile Signora, sarebbe utile sapere a quali accertamenti è stata sottoposta e se l'attuale terapia è l'unica effettuata fino ad ora.
Spesso la storia naturale del dolore facciale atipico (ora nevralgia facciale atipica secondo la nuova classificazione internazionale), è caratterizzata dalla concomitanza di disturbi di tipo ansioso-depressivo che rispondono abbastanza bene agli antidepressivi di tipo triciclico ed, in seconda battuta,ali SSRI.
Se non è mai stata sottoposta alle terapie suddette le consiglierei di iniziare con Laroxyl gocce- 5 gocce la sera, aumentando ogni settimana di 2 gocce fino ad arrivare almeno a 12-15 gocce. Se non tollerato vanno bene anche gli SSRI.
Dott. Luciani Arena

[#2] dopo  
Utente
GRAZIE DOTTORE PER LA SOLLECITA RISPOSA. Gli accertamenti a cui sono stata sottoposta sono TAC Risonanza Magnetica Tac maxillofacciale.Non ci sono conflitti neurovascolari, esiste una lussazione del condilo, a cui pero' nessun maxillofacciale a dato molta importanza.Sono stata ricoverata per accertamenti al S.Raffaele e la diagnosi che non si poteva escludere patogenesi neuropaticae la terapia e stata la sopracitata. Nei test fatti rispondevo positavamente all'effetto antidolorifico solo al Tramadolo.Il Laroxyl mi era stato prescritto da un centro delle cefalee ma non sono riuscita a tollerarlo, poi nessuno me lo ha piu' prescritto. Se il dolore è insorto esattamente dopo l'implantologia perche' non è possibile riferilo a quello, anche non essendoci un danno visibile sul nervo?
PS. a questo punto mi dispiace quasi si non soffrire di disturbi depressivi(nonostante tutto il dolore sofferto) forse avrei piu' possibilita' di stare meglio?
Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Luciano Arena

20% attività
0% attualità
0% socialità
NOVI LIGURE (AL)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2005
Gentile Signora,
il tramadolo agisce sul dolore cronico e può essere preso anche per lunghi periodi. L'insorgenza del disturbo dopo l'implantologia è di difficile attribuzione anche se ritengo, come molti, che le procedure di tipo anestetico agiscano come trigger in soggetti predisposti.Quanto tramadolo assume adesso?. E con quale dose di Laroxyl ha iniziato quando tale farmaco fu prescritt0?. Il Neurontin al dosaggio di 1200 mg potrebbe non essere sufficiente essendo noto ai Neurologi che in qualche caso occorre arrivare anche a dosaggi di 1800-2400 mg al giorno. Se il Neurontin non funziona potrebbe provare, se mai assunto in precedenza, il Tegretol od il Tolep. Entrambi sono farmaci di tipo epilettico con cui ottengo buoni risultati nei casi in cui il Neurontin non funzioni.A sua disposizione per altre eventuali risposte.A proposito degli antidepressivi: SSRI e Laroxyl aumentano i livelli di serotonina che a sua volta eleva la soglia al dolore. Di prossima immissione sarà un farmaco che viene usato negli USA nella terapia del dolore neuropatico. Si chiama duloxetina e promette migliori risultati rispetto ad un farmaco già presente sul mercato e denominato venlafaxina.
Cordialmente,
Dott. Luciano Arena

[#4] dopo  
Utente
Caro Dottore,
sono sempre piu' stanca di questo dolore continuo, anche se con un lieve miglioremento.
Le chiedo, Lyrica che nel frattempo ha sostituito Neurantin, e che assumo nel dosaggio di 150 al mattino e 250 la sera integrata con Tramadolo 100 rilascio prolungato, puo' essere maggiormente aumentata, e fino a che dose? Il nuovo farmaco di cui mi parlava è ora in commercio in Italia?
Puo' essere assunto con Lyrica e Tramadolo?
Queste patologie sono veramente difficili da curare, speriamo nelle ricerca!
Tante grazie,Albertina