Utente
Salve, sono un ragazzo di 30 anni che da qualche mese ha sintomi strani, in un primo momento pensati come ansia o stress, ma che accumulandosi mi stanno facendo preoccupare.
Se mi permette le faccio un rapido elenco ( i sintomi si riferiscono a quest anno):

- maggio: per 2/3 volte sensazione di calore alle cosce, di durata più o meno qualche ora ( mi sembra siano accadute sempre di sera).

- fine maggio, giugno: esordio (una sera davanti alla tv) di forte calore all'estremità superiore lato sinistro con formicolio annesso, la mattina non avevo nulla. Nei giorni successivi si è ripresentata la sensazione, con sensazione di calore quasi impercettibile ( molto meno della prima volta), ma formicolio abbastanza accentuato. Il formicolio, senza la sensazione di calore, ogni tanto si manifesta anche ora a distanza di mesi.

- sempre da fine maggio, mal di testa leggero all'area superiore del capo, che va e viene, la crisi singola non dura più di mezza giornata, massimo 24 ore.

- da metà agosto, a causa di una broncopolmonite leggera ( pur con febbre a 40) il mio medico di base mi ha prescritto undici giorni ( quindi fino ai primi giorni di settembre) di antibiotico Tavanich assieme al Macladin.

- dopo due settimane a letto, mi sentivo molto debole e non riuscivo nemmeno a salire le scale, ho dato colpa all'antibiotico e all' immobilità quasi totale causata dalla febbre.. infatti nel giro di pochi giorni mi sono rimesso in forze ( a parte qualche dolorino muscolare che ancora persiste)

- Il 28 di settembre, mi sveglio con un dolore alla testa ( guardando il capo dall alto era concentrata nel quadrante in basso a destra) e dopo poche ore, mentre ero seduto in auto, piegando il capo in vanti ho avvertito formicolio (simil scossa) al coccige, glutei e cosce. Giorni prima ( non gli avevo dato peso ) ho sentito qualche volta una sorta di "vibrazione" a livello del pube.
Dal 28 di settembre ad oggi, continua questa fastidiosa sensazione di scossa (formicolio) al coccige glutei a gambe, variando di intensità a seconda del momento della giornata, ma senza un filo comune. La mattina quando mi sveglio o anche in dormiveglia, e durante tutta la giornata, non mi abbandona mai (pur subendo variazioni di intensità).

Ho cercato in internet "questa scossa" è subito è venuto fuori "segno di lermhitte", leggendo la sintomatologia credo sia quello.

Ieri sono stato dal mio medico di base, che mi ha liquidato imputando il tutto a mancanza di magnesio o ipercalcemia ( forse anche a causa dell'antibiotico) dandomi questi esami del sangue da fare, ma dopo mie insistenze mi ha prescritto una visita dal neurologo.

Mi ha anche detto che potrebbe essere la tiroide, soffro di noduli.

Inoltre non ha escluso possa essere una piccola ernia cervicale, soffrendo io di dolori cervicali appunto (ma non in queste ultime settimane di manifestazione del "segno di lhermitte").

Lei cosa ne pensa? Grazie dell'attenzione.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il segno di Lhermitte non è esclusivo della SM potendosi riscontrare anche in alcune patologie della colonna cervicale comprese anomalie della giunzione cranio-cervicale.
Gli altri sintomi mi sembrano un pò irregolari per essere sistematici di qualche malattia importante.
Tuttavia è giusto effettuare la visita neurologica in quanto a distanza non si possono cogliere tutti gli elementi necessari per formulare una diagnosi o un orientamento diagnostico.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Innazitutto la ringrazio della celere risposta,

ho prenotato la visita ed è fissata a novembre, la disturbo ancora per chiederle un'ulteriore informazione.

in questi giorni, mi sveglio con mani e parti di piedi ( alcune dita) informicolati, nella giornata di ieri mi è rimasta informicolata la mano sinistra per tutto il giorno ed oggi al risveglio sento informicolato solo l anulare..
dice sia possibile essere un sintomo da mettere nel "calderone" dei sintomi precedenti ?

un'ultima cosa.. il segno di lhermitte si dovrebbe sentire sempre? perchè io lo sento alla prima piegata di mento verso il basso ( varie volte durante la giornata), ma se dopo rifaccio il movimento non sento più nulla.. ( poi a distanza di minuti riviene fuori)..
Inoltre ho posto attenzione ad un'altra cosa.. quando sono in auto o seduto su una sedia si manifesta più forte che in piedi o quando son steso.. è indice o aiuta qualche tipo di esclusione ( non le nascondo la mia paura per la sm).

La ringrazio anticipatamente. saluti.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

le parestesie sporadiche ed irregolari agli arti rappresentano un sintomo aspecifico (nel senso che non indica una patologia in particolare) che potrebbe essere definito mediante la visita neurologica. Inoltre anche l'eventuale segno di Lhermitte non sempre è costante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio. Saluti.