Utente
Salve,
Sono una ragazza che sta vivendo una situazione non facile. Le spigo. Un mio caro cugino ha avuto un terribile incidente con l auto un mese e 20 giorni fa e adesso, dopo 10giorni di coma, è in neuroriabilitazione. L incidente, oltre all arresto respiratorio e cardiaco, ha causato un edema cerebrale. La situazione si è presentata da subito grave, ma, per fortuna, ora va molto meglio. Il ragazzo, di 20 anni,parla, mangia e la situazione procede per il meglio. Però ho una paura ed è questo che vorrei chiedere.
Vorrei sapere la situazione neurologica della persona dopo il coma? O meglio, in che stato è la persona? Torna subito ad essere lui, come era, oppure il recupero ègraduale? Cioè all inizio è normale se è un po rallentato nel parlare, se ha comportamenti un po strani e se sembra che abbi qualche deficit nel parlare? SEMBRA ABBI QUALCHE TIPO DI DEMENZA, Lui ragiona e ricorda tutto alla perfezione, tutto nel dettaglio, però quando parla sembra avere qualche problema, ma no a livello comunicativo ma per quello che dice e per come lo esprime:in modo lento e con un espressione strana. Può recuperare e tornare forte e intelligente come prima? Il neurologo della clinica, come lo psicologo, confidano per il meglio. Grazie, aspetto una risposta con estremo interesse

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è impossibile a distanza, in questi casi, effettuare una valutazione prognostica.
Il miglioramente dovrebbe essere graduale e il pieno recupero del paziente dipende dall'entità del danno recato dal trauma cranico e dalla sua reversibilità.
I medici che seguono Suo cugino hanno ovviamente gli elementi sufficienti per potersi sbilanciare (cosa che noi non abbiamo), pertanto il loro ottimismo è giustificato da questo.
In atto comunque le "stranezze" che Lei avverte potrebbero essere normali.
Un grosso in bocca al lupo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro