Utente
Buonasera. Ormai è quasi più di un anno che mi sveglio spesso con mal di testa che interessa la zona frontale e parietale. Inoltre ho spesso mancanza di lucidità, specialmente mentre faccio sport in maniera intensa. A volte ho rigidità e quasi indolenzimento alle articolazioni temporo-mandibolari per via di nervosismo e stress che mi fanno serrare la mascella inconsciamente. Il mese scorso ho avuto problemi a dormire, e allora potevo capire il mal di testa per il mancato buon sonno e il nervosismo, ma quasi tutti i giorni non è possibile. La cosa più brutta è la continua mancanza di lucidità che non mi permette di dare il massimo nel mio sport (pratico ginnastica acrobatica) che richiede concentrazione e in cui bisogna fare sforzi intensi. Ho iniziato a praticare esercizi di respirazione vari e da pochissimo ho iniziato anche a sperimentare il training autogeno, visto che sono un tipo che sta continuamente a pensare. Ma a volte il mal di testa è troppo intenso, come in questo momento e mi risulta quasi impossibile rilassarmi. Questo problema mi sta rendendo pesante la vita di tutti i giorni anche perchè sono giovane e non lo accetto e prendere antidolorifici che donano un benessere effimero è inutile. Difatti li prendo in casi estremi. Cosa potrei fare per capire a che diavolo è dovuta questa situazione? Grazie mille...

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
La descrizione che Lei fa del suo disturbo e la correlazione in cui lo pone con il suo stato di tensione e' già in se una diagnosi circostanziata di cefalea di tipo tensivo cronico. È bene che Lei effettui, in caso non lo avesse già fatto, una Risonanza Magnetica per avere una panoramica tranquillizzante sulle condizioni del cervello e per poter con serenità porre la diagnosi predetta. Un consulto neurologico e' comunque necessario per una valutazione clinica ed esclusione di altre possibili cause. Confermato questo orientamento diagnostico, troverà sicuro giovamento da una opportuna terapia con farmaci e con il ricorso alla pratica adiuvante del training autogeno. Saluti.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)
MONDOVI' (CN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile utente, le sue parole:
"A volte ho rigidità e quasi indolenzimento alle articolazioni temporo-mandibolari per via di nervosismo e stress che mi fanno serrare la mascella inconsciamente"
contengono la possibile origine della problematica.

Il fenomeno che lei ha descritto si chiama bruxismo e consiste nello stringere o digrignare i denti di notte o di giorno.
I muscoli che aprono e chiudono la bocca sono attaccati da un lato alla testa o al collo, dall'altro alla mandibola.
Questa è la base anatomica della possibile origine orale della cefalea tensiva cronica, correttamente ipotizzata dal collega dr. Colangelo.

Il professionista in grado di valutare l'indolenzimento delle articolazioni temporo-mandibolari e gli altri sintomi correlati è lo gnatologo.
Chi è questa figura lo trova sul link che le allego:
www.medicitalia.it/sergioformentelli/news/439/Lo-gnatologo-ma-chi-e-costui

Lo consulti dopo la necessaria visita neurologica, se non emergono patologie.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#3] dopo  
Utente
Vi ringrazio! Allora mi sa proprio che dovrò fare una risonanza per togliermi buona parte di dubbi e stare tranquillo da un punto di vista. Vi farò sapere appena la farò.