Utente
Nel mese di giugno scorso ho manifestato un dolore all'altezza del fegato, contemporanemente ad un senso di stanchezza, indolenzimento osseo. Nonostante gli approfonditi accertamenti gastrointestinali, è subentrato in me un forte stato d'ansia e di preoccupazione perchè convinto di avere patologie gravi, che mi hanno anchecondotto per qualche mese mese, prima di dicembre, ad abbandonare completamente l'attività fisica, successivmaente ripresa a gennaio. Il mio stato d'anima è stato nuovamente messo a dura prova dal manifestarsi nell'ultima settimana di fascicolazioni sporadiche, manifestatesi ai bicipiti, ai glutei ed alle gambe, che mi hanno fatto nuovamente pensare a quella tremenda malattia della sla.
Vi chiedo, visto che attualmente ho ripreso a pieno l'attività fisica, corro per oltre 10 km due volte a settimana, avendo nelle ultime uscite perfino migliorato le mie prestatzioni rispetto a quelle registrate prima dell'estate, gioco a calcetto una volta alla settimana, non mi sembra di avere caldi di forza, con tutti i limiti di un consulto a distanza, se sia possibile escludere la sla o altre gravi patologie. Vi ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
8% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,le fascicolazioni non sono obbligatoriamente ascrivibili alla SLA soprattutto quando,come mi sembra di capire dalla sua descrizione,non sono presenti altri segni e sintomi della malattia.Bisogna inoltre tener presente che le fascicolazioni possono essere anche di natura benigna.Infine occorre verificare se sono vere fascicolazioni o piuttosto miochimie che spesso sono confuse con le prime e sono quasi sempre di genesi benigna.Una visita neurologica integrata(solo se il collega lo ritenesse opportuno!) con un esame EMG potrà sicuramente ulteriormente tranquillizzarla.
Cordialmente
Prof. VINCENZO ROSSI

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la celerità della risposta. In merito al fenomeno avvertito nell'ultima settimana volevo precisarLe che si tratta di copettini visibili che si protraggono per qualche secondo senza provocare il movmento dell'arto.
La ringrazio nuovamente.
Cordialità

[#3] dopo  
Utente
Buonasera dottore,
torno a scriverLe perchè dopo più di un anno ho ancora le fascicolazioni.
Nel frattempo, a settembre scorso, mi sono sottoposto ad una visita neurologica da cui è emerso la mia forte somatizzazione, con prescrizione di emg ai 4 arti.
Tale esame l'ho eseguito un paio di mesi fa con esito totalmente negativo e con rassicurazione da parte del neurologo che ha eseguito l'esame di non aver nulla.
Sta di fatto che queste benedette fascicolazioni non accennano a cessare, se non per un breve periodo di pausa avvenuto nella settimana successiva alla emg. Sino al mese scorso, dopo una lunga pausa, ho ripreso l'attività sportiva correndo per 3-4 volte alla settimana con prestazioni mai raggiunte in precedenza. Dal mese scorso ho sospeso l'attività sportiva a causa di un dolore alla coscia. Ho fatto un ecografia che non ha riscontrato nulla.
Può darmi qualche consiglio.
La ringrazio anticipatamente.
Cordialità

[#4]  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
8% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile Utente,mi fa piacere che l'EMG e la visita neurologica siano negative.Se le "fascicolazioni"le arrecano molto fastidio,il suo Neurologo le potrà consigliare alcuni farmaci efficaci.
Cordialmente
Prof. VINCENZO ROSSI

[#5] dopo  
Utente
Egr. Dottore,
ancora una volta approfitto della Sua disponibilità. Purtroppo sono molto preoccupato.
Infatti, da una parte le fascicolazioni continuano ad essere sempre presenti e diffuse sul corpo, manifestandosi con pulsazioni che durano qualche secondo, dall'altro, a seguito di esami del sangue effettuati in occasione di un accesso al p.s. per colica renale, sono stati accertati i seguenti valori: pck di 650 con un valore massimo di riferimento di 340, e valore ldh lievemente più alto rispetto al valore massimo.
Ho ripetuto nuovamente per tre volte gli esami del sangue dopo un lungo periodo di riposo, astenendomi dal fare attività fisica, e mentre i valori di ldh sono tornati nei limiti, 366 rispetto ad un range 240-460, i valori di cpk si sono attestati su un valore di 350 rispetto ad un valore massimo di 170.
Ho provveduto una quindici di giorni fa ad effettuare una nuova visita neurologica con esito negativo. Il neurologo mi ha controllato i riflessi, la lingua, la forza, dicendomi che addirittura nel testare la forza delle mie mani gli avevo fatto male, ha cercato di stimolarmi le fascicolazioni senza esito.
Cosa ne pensa?? La ringrazio tanto per la Sua disponibilità
Cordialità

[#6]  
Prof. Vincenzo Rossi

40% attività
8% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Una colica può portare incremento della CPK.La ricontrolli tra 1 mese.
Cordialmente
Prof. VINCENZO ROSSI