Utente
Buongiorno. Ho 46 anni e sono un tipo ansioso della serie - “mi fascio la testa prima di rompermela”. Nel mese di marzo 2013, per una settimana ho accusato un dolore e senso di tensione muscolare nella parte sinistra delle costato, curato con Oki.Successivamente, sulla coscia sinistra ho avvertito un senso di bruciore sulla pelle (tipo scottatura da sole) che migrava in altre parti di corpo. QUI CASCA L’ASINO! Mi sono rivolto al "Dott. Google”, il quale alla mia richiesta “SENSO DI BRUCIORE SULLA PELLE”, mi restituisce “SINTOMO DELLA SCLEROSI MULTIPLA”. Non l’avessi mai letto.Ritorno dal medico e conoscendomi mi prescrive una visita neurologica. Il 17 aprile mi sottopongo a visita completamente negativa. Dopo una settimana, si presenta un fastidio sotto il gluteo sinistro e coccige, tanto da crearmi un senso di instabilità sulle gambe, soprattutto quando sono fermo ed in piedi. Dopo un mese, visto che il problema persiste, ritorno dal neurologo il quale, dopo la visita negativa, senza prescrivermi altro, dice che non nulla. Mi rassereno ma comincio ad avvertire altri sintomi tipo tensione muscolare alle gambe, bruciori al ginocchio dx a volte sx, sensazione di spilli alle mani ed a riposo, fascicolazioni su varie parti del corpo, soprattutto sui polpacci, quadricipiti–altezza ginocchio (tra l’altro, credo di averle da anni).Il mio medico mi prescrivere la RM, all’encefalo e zona lombare, che effettuo il 4 giugno 2012, ecco il risultato: ENCEFALO: L’esame RM (1.5t), eseguito nelle sezioni assiali, sagittali e coronali (tecnica FSE, FRFSE e FLAIR) nelle sequenze pesate in T1, T2 e DP, ha mostrato normalità morfologica e di intensità del segnale della parenchima cerebrale, in esame condotto senza m.d.c. Sistema ventricolare in asse, normale morfologia e grandezza. RC: cisti nel seno mascellare di destra, di circa 1,5 cm e, di dimensioni minori, a sinistra. LOMBOSACRALE: L’esame RM (1.5t), eseguito nelle sezioni assiali, sagittali e coronali (tecnica, FRFSE e FSEOPT) nelle sequenze pesate in T1, T2, ha mostrato abolita la fisiologica lordosi. Impronte di Schmorl a carico delle limitanti somatiche esaminate. Modesti fenomeni artrosici. Iniziali eventi disidratativi su base degenerativa dei dischi intervetebrali. Tra L4-L5 e L5-S1 del tutto accennate protrusioni circonferenziali. Normale il segnale del cono midollare e della cauda. Il mio medico mi dice che è tutto a posto, niente SM.
Mi rassereno, ma forse tutto lo stress e l’ansia accumulata mi hanno distrutto fisicamente. stò bene per un po di tempo ma dopo un forte stress sul lavoro riecco i problemi alle gambe. Ora mi chiedo, lo stress e l’ansia accumulata possono procurarmi tutto ciò? Preciso, non ho mai accusato problemi di forza sia agl’arti inferiori che superiori. Vista la Vostra competenza, posso stare tranquillo in merito alla SM o SLA?
Grazie infinite

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

si tranquillizzi perché non ci sono sintomi o segni sospetti, visite neurologiche negative, RM negative.
E poi le modalità d'insorgenza dei sintomi e la loro distribuzione nonché la loro risoluzione sono generalmente indice di stati ansiosi.
A mio parere deve piuttosto intervenire sul versante psichico del problema rivolgendosi ad uno psichiatra.
Non consulti più il "dott. Google" perché è il medico(?) più asino che esista!!!

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Buonasera e Grazie per la celerità della risposta.

Caro Dr. Ferraloro, speravo fosse Lei a rispondermi.

Devo dire che mi ha tranquillizato e ad onor del vero, anche la Neurologa chi mi ha visitato per ben due volte, mi ha dato la stessa sua risposta, sopratutto per quanto riguarda il dott. google.

La cosa che mi ha spinto a scriverLe è il fatto che non riesco a darmi una spiegazione per il dolore, senso di bruciore e rigidità alle gambe, sopratutto all'altezza del ginocchio (più dx che sx), accompagnato dai famosi "guizzi" muscolari (fascicolazioni), che come Le ho scritto, penso di averle da anni e che, forse, a causa del mio stato ansioso si sono accentuate oppure sono io che ci sto facendo più caso.

Un'ultima cosa. Crede che i problemi alle gambe possano dipendere da quello che è scritto nel referto della RM Lombosacrale, oppure e tutto lo stress ed ansia accumalata che, nel momento in cui mi sto tranquillizzando, scarica tutto si di esse?

Spero di essere stato chiaro nell'ultima domanda e sopratutto spero di non disturbarLa più.

errata corrige: la data della RM è 4 giugno 2013 e non come erroneamente scritto nel post - 4 giugno 2012.

Complimenti per il servizio che date e Grazie della disponibilità.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

a distanza, senza una visita diretta, Le posso dire che entrambe le ipotesi possono essere possibili, da questa postazione infatti non è possibile stabilire la causa esatta del problema.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buonasera Dr.Ferraloro.

Spero di non sbagliare settore e vorrei sottoporle questo quesito.

Circa due mesi fà, ho sofferto di uno dei miei soliti attacchi di sinusite e faringite, Lei dirà, "cosa centra la neurologia con questi problemi"?
Infatti può sembrare strano, ma oggi, dopo l'ennesima visita dall'otorino perchè dopo quanto riferito sopra, curato con antibiotico e cortisone, mi è rimasto un dolore alle parte dx della faringe e collo. Questo dolore si manifesta quasi escusivamente qundo deglutisto a vuoto o quando bevo, raramente quando ingoio cibi solidi.
L'otorino, come già diagnosticato con la precedente visita, fatta circa un mese fà, mia ha detto che si tratta di un'infiammazione del nervo glosso-faringeo, di non preoccuparmi in quanto non si tratta di nulla di grave. Infatti, come ho gia detto, il problema si presenta solo quando ingoio o bevo liquidi, come se avessi preso uno strappo o una contrattura muscolare che fa male solo qundo effettuo determinati movimenti. Per adesso, spero non peggiori, si tratta di dolore sopportabile e non continuo.
Caro Dr. Ferraloro, da cosa più dipendere? Le faccio presente, che a seguito della mia situazione descrittaLe nei post che Le inviai circa un anno addietro, credo a causa del forte stress accumulato per la paura di avere una brutta malattia neurologica, dissipata solo dopo l'elettromiografia fatta alla fine di agosto scorso con esito completamemnte negativo, oltre alle solite fascicolazioni in varie parti del corpo, ho come la sensazione che i muscoli, sopratutto sulla parte dx, siano sembre contratti.
Può essere dipeso da un problema neurologico, oppure????

Grazie di cuore per la disponibilità e competenza.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Difficile potere rispondere al quesito posto, l'otorino ha fatto l'esame laringoscopico? Forse anche un'ecografia sarebbe utile.
Problema neurologico? Difficile dirlo senza una visita diretta, in tal senso sarebbe opportuno contattare un neurologo per una valutazione obiettiva.
Anche una contrattura muscolare non sarebbe da escludere come pure un'infiammazione ghiandolare (salivare? linfonodale?).

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Grazie Dr. Ferrarolo per la risposta.

No, l'otorino non mi ha fatto la visita con il laringoscopio, però, devo dire che, come paziente, mi conosce benissimo, visto che spesso mi sono rivolto a lui per i miei problemi. Per ultimo, circa 3 anni fà, ho subito un intervento di meringo plastica per la ricostruzione della M.T. sx. Comunque sembrava molto convinto della diagnosi.
Il fatto è che io, come ha ben capito, sono molto ansioso, però il fatto che ormai sono passati circa 2 mesi da quando è iniziato il problema mi preoccupa un pò.
Sicuramente, per motivi legati al reflusso gastroesofageo, per la produzione di tanta saliva, anche molto densa, sono portato a deglutire e ad eruttare in continuazione in continuazione.
Siccome l'otorino ha parlato di nervi mi si è accesa subito la lampadina dell'ipocondria (maledetta).
Comunque caro dottore crede si tratti di qualcosa di preoccupante? se continua, sicuramente perlerò con il mio medico curante e se lo riterrà, farò un ecografia o una visita neurologica.

Gradirei con piacere una sua opinione.

Grazie.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Con i famosi limiti del consulto a distanza, non dovrebbe essere nulla di preoccupante.
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Ci risiamo!!!!

Caro Dottore, ci risiamo.
Mi spego; tra luglio è agosto scorso, periodo estremamente stressante a livello lavorativo, sono ricominciate ad essere PERSISTENTI le fascicolazioni in varie parti del corpo, quindi, da buon ipcondriaco e nonostante un anno addietro abbia fatto visite neurologiche, RM ed EMG, tutti negativi che mi hanno, apparentemente, tranquillizzato, purtroppo sono riaffiorate le mie vecchie paure della SLA.
Oltre alle citate fascicolazioni, non ho accusato altri tipi di sintomi particolari, tipo mancanza di forza o altro, ma solo tanta, tanta tensione muscolare a livello del collo e zona dorso-lombare che mi fanno sentire stanto ed esurito. Da circa un mese, consigliato da una mia amica, ho iniziato a prendere degli integratori a base di erbe, i quali hanno migliorato la situazione, ho ricominciato a fare delle lunghe passeggiate con piccole corsette, con l'intento di scaricare la tensione e anche di perdere qualche chiletto di troppo. Sembrava andare meglio, infatti ho anche effettuato dei lavori di tinteggiatura in casa con sollevamento di pesi ed altro. Venerdì 17 u.s., (alla faccia della scaramanzia) nel sistemare il letto, sono rimasto completamente bloccato con la schena (Colpo di frusta?), tanto da ricorrere a delle inezioni di cortisone e muscoril per sei giorni che hanno permesso almeno di sbloccarmi. Dopo, però, visto che il dolore non passava, il mio medico
mi ha prescritto delle compresse di expose 100mg e un antidolorifico per altri dieci gg. Va decisamente meglio, però questa maledetta fissa della SLA mi assilla.
Ad onor del verò, devo dire, che proprio a luglio scorso ho ricevuto una notizia bruttissima relativa un un mio collega di lavoro di circa 40 anni, il quale veniva curato per una cervicale invece era la SLA (pare avesse altri casi in famiglia). Sarà stato solo questo e qualche spulcitina su internet, dove proprio oggi ho letto un caso di SLA scambiato per ernia del disco a far riaffiore tutte le mie paure e a farmi contrarre cosi tanto da provocare persino questa lombosciatalgia?
Pensa che dopo un anno quegli accertamenti eseguiti debbano essere ripetuti? Quanto valore possono ancora avere?

Caro Dott. ho bisogno di un consiglio e sopratutto di stare un po più tranquillo.

La ringrazio anticipatamente per l'eventuale risposta.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

dopo un anno senza aggravamento una SLA è estremamente improbabile anche considerato che con degli integratori è stato meglio. Pensa che un integratore possa causare miglioramenti?
Stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Grazie per la sua risposta.

Il fatto è che, maledetto carattere, è più forte di me, somatizzo!!!???
E' vero, l'anno scorso, prima di effettuare l'EMG avevo accumulato così tanto stess e tensione muscolare che, una volta tranqillizzatomi per l'esito negativo dell'esame e come se il corpo si fosse liberato, scaricando tutto sui muscoli e articolazioni con annesse fascicolazioni, alle quali non davo peso.
Questo fino alla fine di agosto, dove come ho detto, sono diventate più presenti. Per finire, anche lo stomaco, con la mia esofagite da reflusso con ernia jatale da scivolmento ha fatto e fa la sua parte, sopratutto durente questi periodi. A volte, per quanto si gonfia, mi provoca un dolore alla base dello sterno e una tensione muscolare verso il costato e dietro la spalla dx.
Per esempio, come ho scritto su uno dei post precedenti, non mi spego come mai quel dolore al nervo glossofaringeo (da marzo 2014), una contrattura all'altezza del gomito del braccio dx (da giugno 2014) che non passavano, e solo ora, solo dopo la cura con il cortisone che ho fatto per la lombalgia, sono scomparsi (forse).
Chiedo, la lombalgia, visto che dalla RM sopra descritta non si evidenzia nulla di particolare, può essere dipesa dalla muscolatura contratta? (cosa che sto ancora curando) Oppure, è possibile che l'ansia e la paura di avere questa brutta BESTIA mi possa far stare sempre contratto?
E' come se la sicurezza di non evere nulla, datami dalle negatività degli esami e dallle visite fatte, sia svanita dopo quella notizia del mio collega. E' possibile che non riesca ad essere razionale e lucido? Infatti, dopo la notizia, oltre alle fascicolazioni, il primo sintomo è stato un forte mal di collo e zone limitrofe, che nemmeno due sedute dall'esteopata mi hanno aiutato a far passare subito.

Se è, come spero, solo somatizzazione, come posso fare ad uscire o migliorare questo mio aspetto del carattere?

Inoltre, come le ho chiesto prima, gli accertamenti fatti un anno addietro, che valenza possono ancora avere?

Grazie ancora.

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non è rara una somatizzazione a livello lombare né con contratture muscolari.
Lei è un tipo molto suggestionabile, infatti dopo la notizia del collega sono cominciate queste situazioni ed il pensiero è ritornato alle malattie.
Lo stesso dubbio sull'attendibilità dei precedenti esami fa parte di questa sintomatologia.
Un approccio di tipo psicologico potrebbe certamente aiutarLa.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Grazie Dott. per la risposta.

Come vedo dalle sue cortesi risposte, il problema non è nel fisico (spero), ma nella mia mente.
Lo sò, come si suol dire, mi sono e mi stò rivinando con le mie mani.
Comunque, come vedo da questo splendito sito e non vuole essere una consolazione, ma solo una constatazione, molti, come me, hanno questa fissa della SLA e non solo, ma grazie alle vostre competenze e consigli si riesce a "limitare i danni".

Nel ringraziarLa di cuore per i preziosi consigli e pareri, la saluto cordialmente, riservandomi di disturbarLa se avessi ancora bisogno di un Vostro parere.

Grazie.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ok, restiamo in ascolto.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro