Utente
Buonasera,
il consulto riguarda mia madre, anni 67.
Circa un anno fa è caduta (coinvolta in uno scivolata) in pescheria e da risonanza magnetica e radiografia ha riportata una lesione del tendine alla spalla destra.
Vane le terapie e gli antidolorifici, attualmente trova giovamento con un farmaco che si chiama artyal.
Le premetto ciò perché da qualche mese mi riferisce di un tremore alla mano dx, in particolare al dito indice . Osservandola ho potuto notare che si manifesta in particolare quando con la mano è in procinto di compiere qualche azione come ad esempio digitare sul telefono ( dura qualche secondo), quando appoggia il polso sul tavolo per chiacchierare oppure quando solleva la tazzina del caffè.
La mia preoccupazione è che possa essere il morbo di Parkinson, mentre la mia speranza è che la causa sia da ricercarsi nel trauma che ha subito.
Circa un anno fa ho fatto fare a mia madre una serie di accertamenti ,anche psicologici , poiché spesso la vedevo distratta ma è risultato che è fin troppo lucida per la sua età. Infatti è internet dipendente, smanetta alla grande con il pc ed è molto socievole e di buona compagnia.
Come posso togliermi questo atroce dubbio? quali esami diagnostici posso farle fare?
Anticipatamente grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il tremore è uno dei sintomi che deve essere valutato direttamente per vederne le caratteristiche precise e cercare eventuali altri segni che potrebbero indirizzare verso una determinata condizione.
Ritengo che il trauma alla spalla non abbia un ruolo causale nel determinismo del problema.
Pertanto la prima cosa da fare è una visita neurologica in quanto in questi casi la diagnosi è clinica, eventuali esami diagnostici, nei casi dubbi, li richiederà il neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio per la celerità.
Prenoto immediatamente una visita neurologica