Utente
Buongiorno, sono una donna di 32 anni. Vi scrivo perché sono in preda al panico a causa di un sintomo che adesso vi vado a descrivere. Tutto è iniziato 20 giorni fa con dei guizzi tipo fascicolazioNi che si sono ripetute per un paio di giorni sotto l ascella sinistra, all altezza del seno ma laterale. Inizialmente non gli ho dato peso, faccio yoga e a volte per alcuni stiramenti ho avuto questa sensazione. Inoltre un paio di anni fa mi successe che una palpebra vibRo per un mese intero senza mai smettere.Ma dopo un paio di giorni mi sono resa conto che il dito indice sinistro aveva dei movimenti involontari, ovvero si muove da solo lateralmente più volte il giorno da due settimane. Ci sono giorni che lo fa di più e giorni che lo fa molto meno, ma lo fa. Il guizzo non è doloroso e se osservo si vede ad occhi nudì che la fascicolazioNe parte su per giù dal muscolo che si trova tra l indice e il pollice e, quando si contrae fa muovere l indice. Negli ultimi giorni ho notato che lo fa soprattutto se faccio movimenti particolari con la mano o faccio sforzo particolare con questa ultima. Sono andata a cercare su internet ed è venuta fuori la sla. Adesso non riesco più a vivere, sto malissimo e sento guizzi in tutto il corpo. LI sento alle spalle e alle gambe. Alla pancia e alla palpebra. Sono molto più sporadici e poco durevoli, ma ci sono. La paura per la sla non mi fa vivere, non faccio altro che pensare a quella, non riesco a darmi altre spiegazioni. Ho prenotato una visita da un neurologo ma è tra un mese e non ce la faccio ho bisogno di avere un parere professionale da chi di competenza.

Vi prego aiutatemi

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

si tranquillizzi, le fascicolazioni sono sintomi generalmente tardivi nella SLA, quando precoci sono spesso accompagnati da deficit di forza (che non vuol dire stanchezza!). Faccia tranquillamente la visita neurologica e si rassereni. Anche il Suo medico curante può preliminarmente visitarLa.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro