Utente
Buonasera ,per prima cosa sento di scusarmi con i medici che leggeranno questo mio inserto e poiché non sto scrivendo o chiedendo consigli riguardo ad un mio stato di salute li ringrazio anticipatamente del tempo speso a leggere .
Come dicevo vi sto scrivendo per un motivo poco importante,tuttavia la mia è certamente una domanda sulla quale si può discutere serenamente in rete, ed è per questo che ho pensato di disturbarvi.
Mi chiamo
andrea ,sono uno scrittore (il cognome o le mie pubblicazioni non sono necessarie) .Nel lavoro che sto ultimando la protagonista principale è una ragazza invalida dalla nascita.
Durante le mie ricerche ho consultato diversi siti che trattano l'argomento ed ho anche parlato con un amico di famiglia stimato anestesista nell'ospedale di zona nonché chiesto diversi pareri ad una mia conoscente laureanda .
Tuttavia ,nonostante io abbia fatto fin da giovane diverse esperienze di volontariato ,non riesco ancora a placare del tutto i miei dubbi .
Voi ,meglio di tutti ,sapete bene che quando si scrive di medicina ,anche se si accennano solo poche informazioni è però necessario nonché doveroso che queste siano esatte ,giuste ,forse opinabili visto che le malattie non sempre presentano sintomi identici ,ma sicuramente devono essere "fondate".
Per tanto quindi ,sempre se qualcuno di voi in una pausa vorrà spendere 2 minuti per usarmi questa cortesia , vi dico due cose al volo di Cristina ( si chiama così) .a) Lei non cammina ,usa una carrozzina
b) La sua invalidità non è dovuta a trauma ,è nata così.
c) E' progressiva e sul suo corpo sono presenti leggere deformazioni ossee ,gomiti e schiena incurvata,gambe molto magre e quasi senza muscolatura .
d) Non presenta limitazioni intellettive ,quindi pensa ,parla ,si emoziona ,ama ,è cosciente della sua situazione ed è totalmente capace di intendere e di volere.
e) Prova dolore ,spesso deve ricorrere ad antidolorifici forti( contramal ,toradool etc)
f) prova ,naturalmente ,lo stesso desiderio sessuale di una donna di quasi 30 anni.

Ecco ,la mia domanda è semplice ,queste caratteristiche sono riscontrabili in una ragazza affetta dalla malattia di Charcot -marie .tooth e quindi nella sua forma più grave cioè la sindrome del titolo?
Posso ,secondo voi ,continuare su questa linea o mi consigliate ,onde evitare di riempire il tutto di castronerie ,di tornare alle mie ricerche e cercare un altra malattia?

P.S.
Io sono ben cosciente che voi durante il giorno avete cose ben più importanti da fare ,per questo mi sono scusato all'inizio e per questo vi ringrazio ugualmente sin da adesso.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

le linee guida del sito, che invito a leggere, non permettono di rispondere a domande di questo tipo.

Vedi https://www.medicitalia.it/consulti/linee-guida-consulto-online/#parte1 in particolare la Parte I 2d.

Le faccio i migliori auguri a nome mio personale e di Medicitalia per questa Suo lavoro letterario a cui auguriamo i migliori successi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro