Utente
Buongiorno,
vi contatto per avere un parere riguardo ad alcuni disturbi che ho riscontrato in questi giorni.
Premetto che sono una studentessa universitaria e sto preparando gli esami per luglio. Dal 2012 soffro di disturbi (come reflusso e dolori addominali) legati al mio stato ansioso. Probabilmente anche questi episodi che vorrei riportarvi saranno legati all'ansia ma preferirei avere una conferma da uno specialista.
Mercoledì scorso mentre studiavo, ho avvertito un forte mal di testa che dalla nuca si irradiava alle tempie e agli occhi. Da quel giorno è stato un crescendo di sintomi, poichè ho cominciato ad avvertire un senso di sbandamento, testa pesante, stanchezza e spossatezza agli arti, ogni movimento mi risultava uno sforzo (anche il semplice tenere in mano un bicchiere d'acqua). Ieri ho avvertito dei fastidi al collo come se degli "spilli" mi pungessero ma è durato poco (circa dieci minuti). Il tutto è accompagnato da una sensazione di ansia, difficoltà a dormire e agitazione (probabilmente aumentata per la mia preoccupazione per questi sintomi).
Prima di questa serie di episodi, una sera,ho avuto problemi a prendere sonno poichè appena stavo per addormentarmi una "scossa" ansiosa mi risvegliava stringendomi lo stomaco.

Ieri ho preso del nimesulide per il mal di testa ma ho comunque continuato ad avvertire una certa pressione alle tempie. Nella serata sono uscita a fare una passeggiata e i sintomi sembravano attenuati. Stamattina ho di nuovo dolore alle tempie e pressione alla testa, ho preso dell'ibuprofene ma la pressione resta (a volte aumenta a volte diminuisce). Non è un dolore insopportabile ma è abbastanza fastidiosoe a volte acuto.

Specifico che non ho problemi alla tiroide, nè al fegato, poichè ho eseguito ecografie ed analisi specifiche a febbraio ed è risultato tutto negativo. Lo scorso anno a causa dei dolori addominali che avevo, ho fatto analisi del sangue per escludere anche malattie più gravi (ad esempio tumori) e son risultate negative (ho solo il ferro leggermente basso).
A dicembre sono andata dall'oculista per dei piccoli lampi di luce che vedevo e mi ha detto che probabilmente erano impulsi nervosi, niente di preoccupante.
In famiglia in molti soffrono di problemi come cervicale e cefalee legate a stati di stress (mia madre, mio zio e mia sorella), quindi non so se potrebbe essere qualcosa di simile.

Ovviamente qui su internet ho letto di tutto e la cosa che mi ha preoccupato maggiormente è la Sclerosi multipla.
In genere quando parlo con il mio medico è sempre propenso a collegare i miei disturbi all'ansia (giustamente) quindi non credo che mi prescriverebbe una visita dal neurologo. Però prima di escludere a priori il resto volevo sentire un parere specialistico.

Grazie in anticipo per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia descritta farebbe pensare una cefalea di tipo tensivo in cui lo stress e le posture prolungate e/o poco corrette sono tra i fattori scatenanti più frequenti. Anche il senso di pressione è spesso assimilabile ad una cefalea tensiva. Mi pare che questi fattori nel Suo caso siano ampiamente presenti.
Ovviamente questa è un'ipotesi a distanza e non una diagnosi.
Solo una visita diretta può confermarla, visita che raccomando qualora la sintomatologia dovesse persistere.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta esaustiva Dottore.
In effetti ho notato che se sto seduta e/o incurvata in avanti il dolore e la pressione si fanno sentire maggiormente.
Terrò il problema sotto controllo.
Un'ultima domanda: per ovviare al problema cosa mi consiglia di fare? Continuo a prendere l'ibuprofene per qualche giorno? O c'è qualche altro rimedio?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

L'ibuprofene va preso al bisogno. Se venisse confermata la diagnosi di cefalea tensiva esistono cure di base che di solito sono molto efficaci ma Lei sa che non si possono consigliare farmaci a distanza.
Al momento può fare movimento, ginnastica e massaggi nella zona cervicale e spalle.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buonasera, riscrivo qui per un altro episodio particolare. Son tornata oggi da una vacanza in montagna (durante la quale ho avuto qualche manifestazione di ansia). Mentre riordinavo le cose ho avvertito per un po' una sensazione di pressione alle tempie, orecchie e naso. All'improvviso ho sentito una pressione più forte alle orecchie, un fischio e ho avuto la sensazione di svenire e ho visto un po' più chiaro del solito. Mi son subito seduta e sdraiata. Ora ho senso di stanchezza, pressione alla testa e mal di testa. Volevo chiedere se questo episodio può essere ricollegato all'altro e cosa devo fare adesso. (in caso domani passerei dal medico di famiglia)

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da quello che scrive anche questo episodio potrebbe essere correlato all'altro.
Una visita dal medico curante la riterrei certamente indicata.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
D'accordo, grazie per la risposta!

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buon pomeriggio!
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Buonasera, riscrivo qui in modo da dare una continuità al discorso. Vorrei riportare quello che mi è successo qualche giorno fa. Mentre dormivo mi son svegliata con entrambe le gambe addormentate e il braccio destro intorpidito. Mi son alzata dal letto per farle risvegliare ma la gamba e braccio destro son rimasti ntorpiditi anche mezz'ora dopo il risveglio senza tornare del tutto apposto. Per cui Sono andata al pronto soccorso per paura che fosse qualcosa di grave. Mi hanno fatto un controllo neurologico obiettivo ( senza esami, solo controllando "a mano" per intenderci) ed è risultato negativo, non hanno notato nulla di strano. Hanno effettuato una emogasanalisi venosa e tutti i parametri sono in regola tranne il potassio (3.0). Sia il medico del pronto soccorso sia il mio medico di famiglia non hanno dato peso alla cosa e hanno ricondotto il tutto all'ansia perchè la carenza di potassio in.genere crea crampi non parestesie. ( per il potassio mi hanno prescritto un integratore ). Stanotte però ho avuto altre manifestazioni di intorpidimento e anche stamattina al risveglio. Ho anche notato una sensazione di pesantezza alle ginocchia che poi si è affievolita e scomparsa in mattinata insieme ai formicolii e intorpidinenti. Non so se può avere significato clinico ma il ciclo questo mese sta ritardando (per ora sono dieci giorni di ritardo). Sinceramente ho il terrore della sclerosi multipla, quindi volevo sapere da voi se i miei sintomi.potrebbero essere ricollegati a questa malattia o ad altro e se dovrei parlare con il mio medico per fare dei controlli

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i sintomi riferiti sono di breve durata e regrediscono sponaneamente, pertanto l'ipotesi SM la vedo lontana, addirittura con esame neurologico negativo.
Probabilmente si viene a creare, a causa di posizioni particolari assunte durante il sonno, una compressione sui tronchi nervosi che sviluppa poi la sensazione che avverte.
A questo punto può sommarsi una marcata componente ansiosa che amplifica il disturbo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
D'accordo, grazie per la spiegazione. Spero di non dovervi disturbare ancora, io per prima riconosco i miei problemi di ansia ma a volte convincermi che sto bene pur avendo determinati sintomi mi riesce complicato. Continuo ad avere i muscoli indolenziti la mattina, ma sto cercando di ignorare i sintomi. Nel frattempo ho preso appuntamento da un medico per farmi prescrivere una cura per l'ansia. Grazie per la disponibilità

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non disturba, tranquilla.
Ok, faccia serenamente la visita.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Buonasera, scrivo di nuovo qui per alcuni sintomi che in questi giorni si son presentati più volte. Ultimamente mi succede di avere in alcune zone delle gambe una sensazione strana, come se in quei punti fossi a contatto con una superficie fredda. La sensazione va e viene da ieri a cena ma non passa e questa notte mi ci son svegliata. A questo alterno come un lieve bruciore diffuso, o comunque una sensazione di calore pur non avendo caldo (poichè la mia casa risulta abbastanza fredda). La sensibilità al contatto invece non è alterata, ovvero che se tocco la zona che "brucia" con la mano fredda, il freddo della mano lo avverto. È "normale" visti.anche i precedenti episodi? Sono manifestazioni ansiose o dovrei fare qualche controllo? Tornando al solito timore di una SM.. Non so se ha un'importanza, ma per controlli di altro genere di recente ho fatto un EEG ed è tutto a posto. Ho avuto episodi simili qualche giorno fa e son ricomparsi ora. Sinceramente mi preoccupa un po' la situazione.

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerata la breve durata dei sintomi riferiti sembra trattarsi di nulla d'importante.
Ha fatto poi la visita che aveva "promesso" di effettuare?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente
Si, o meglio ho parlato con il mio medico e mi ha prescritto del vagostabil da prendere per un mese e mezzo in corrispondenza dei cambi stagione. Perchè dice che per il momento gli psicofarmaci sono un po' prematuri

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ok, vediamo quali risultati ottiene.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro