Utente
Salve, cercherò di esporre con maggior chiarezza e precisione possibile i miei sintomi, che mi hanno fatto venire paura di avere la sclerosi multipla.
Da circa un anno ho una riduzione di sensibilità (parestesia) al dito alluce del piede e in una zona circoscritta, non molto ampia, della schiena (centro-sinistra). Questa alterazione della sensibilità non mi ha causato nessun tipo di problema fisico o di salute.
Circa tre mesi fa, ho però iniziato ad accusare dolore saltuario alle cosce anteriori (assimilabile a stanchezza post attività fisica, ma senza che io avessi fatto movimento) che dopo un paio di settimane si è "spostato" alla parte posteriore delle gambe (gluteo, retro della coscia e polpaccio) unito ad una rigidità muscolare che mi impediva di muovere le gambe con scioltezza. Il dolore è così diventato più frequente (direi quasi cronico) e fastidioso e si è sempre presentato in punti precisi lungo l'asse gluteo-coscia posteriore-polpaccio (mai contemporaneamente lungo tutto l'asse) che variano d'intensità a seconda dei giorni, dei momenti e spesso dell'attività fisica svolta, e contemporaneamente la rigidità muscolare è migliorata, permanendo solamente al mattino appena sveglio. Ho consultato un ortopedico e un neurologo ed entrambi dopo avermi visitato, mi hanno consigliato di effettuare una radiografia della schiena e una risonanza magnetica sacrale-lombare per escludere un ernia del disco o comunque un restringimento dello spazio tra le vertebre che fosse all'origine del dolore. Questi due esami sono risultati negativi, così ho riconsultato i dottori, che mi hanno consigliato un'elettromiografia degli arti inferiori per escludere danni ai nervi o muscolari. Anche questo esame è risultato negativo. Occasionalmente in questi ultimi mesi ho avuto anche altri dolori ai nervi al di fuori di quelli alle gambe citati, come per esempio sotto la pianta del piede, al palmo della mano o alle dita della mano, di solito questi durano circa una settimana o poco più e poi spariscono. Ho avuto anche occasionalmente altri sintomi associabili alla sclerosi multipla come leggeri movimenti involontari di muscoli (cosce e braccia), leggeri formicolii ai polpacci dopo breve camminata, e in una sola occasione (solo per qualche minuto) un accentuato tremore alle gambe. In particolare nelle ultime settimane sono stato colpito da un' inspiegabile stanchezza molto pesante che mi porta ad essere stanco già appena sveglio e ad aver bisogno di coricarmi un paio di volte durante il giorno e ciò ha aumentato la mia paura di avere la sclerosi multipla dal momento che so che la stanchezza cronica è uno dei principali sintomi. Ho chiesto al neurologo se poteva trattarsi di questa malattia ma mi ha risposto che i sintomi sono diversi perchè le parestesie dovrebbero essere molto più diffuse e il dolore che ho alle gambe non dovrebbe essere costante(ma erroneamente ho mancato di metterlo al corrente della stanchezza).Spero possiate aiutarmi a far luce sul mio caso.Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

con visita neurologica negativa, RM lombo-sacrale ed EMG nella norma, varrebbe la pena di consultare anche un reumatologo, essendo la sintomatologia esposta suggestiva, per es., per fibromialgia. Ovvio che questa non è una diagnosi ma un orientamento per indagare ulteriormente, unitamente ad eventuali esami ematici di tipo reumatologico qualora lo specialista li richiedesse.
E' solo un'altra via da percorrere, nulla più.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio sentitamente per l'interesse e per la tempestività della risposta. Seguirò certamente il suo prezioso consiglio e indagherò accuratamente con le opportune visite ed esami anche nella direzione da lei indicata.
Sempre tenendo presente, come spesso ricorda anche lei, che una diagnosi online senza accurata visita medica risulta impossibile, le vorrei solamente più chiedere se i sintomi potrebbero comunque avere qualcosa a che fare con malattie neurodegenerative come la sclerosi multipla o la SLA o se posso tranquillizzarmi su quest' aspetto.
P.S: è vero che con elettromiografia negativa posso escludere la SLA?
La ringrazio ancora per l'aiuto e mi scuso per il prolungato disturbo.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

visita neurologica negativa ed EMG nella norma escludono una SLA, peraltro rarissima alla Sua età. Inoltre una sintomatologia dolorosa non è presente in questa condizione né la stanchezza che riferisce. Diciamo che in base alla sintomatologia descritta non si pensa nemmeno, da parte del medico, ad un'ipotesi del genere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
mi dispiace disturbarla nuovamente su una domanda a cui ha già risposto togliendole tempo da dedicare ad altri utenti, ma ho notato la sua disponibilità e perciò ne approfitto per chiederle un'ulteriore precisazione: quando lei dice che la sintomatologia dolorosa non è presente in questa condizione e che in base alla sintomatologia descritta non si pensa ad un'ipotesi del genere si riferisce unicamente alla sla o anche alla sclerosi multipla?
Grazie ancora!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

mi riferisco alla SLA.
La SM invece potrebbe essere compatibile teoricamente con i sintomi in questione ma di solito questi non sono sintomi d'insorgenza ma di fasi più avanzate della malattia.
Consideri pure che stiamo parlando di sintomi altamente aspecifici che possono avere svariate cause, la maggioranza delle quali banali.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Tutto chiaro! La ringrazio nuovamente per pazienza e disponibilità.
Cordiali saluti

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona giornata!
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Salve, torno a disturbarla per dirle che ho fatto questa mattina la visita reumatologica come da lei suggerito, ma il dottore dopo avermi visitato e aver ascoltato la mia storia mi ha detto che non ci sono i presupposti per una malattia reumatologica e che secondo lui si tratta di problemi neurologici (in particolare riferendosi alla riduzione di sensibilità, benchè poco diffusa, e alla stanchezza disarmante) per i quali dovrei effettuare una risonanza magnetica encefalica e cervicale. Quindi mi ha reindirizzato da un neurologo, il quale mi visiterà domani mattina. Dottore, può capire che pur avendo cercato in tutti i modi di mantenere la calma e pensare positivamente, ora l'ansia sta prendendo decisamente il sopravvento, perchè con visita ortopedica e reumatologica negativa, risonanza magnetica lombare-sacrale ed elettromiografia nella norma, la paura di avere la SM è aumentata, anche perchè ieri mi sono imbattuto nella storia di una ragazza di 23 anni con dolori alle gambe simili ai miei che ha scoperto di avere la SM dopo 6 mesi di visite ed esami (in pratica tutti gli stessi che ho già effettuato anche io).
In più la mia paura principale è riferita all' ambito lavorativo perchè in questa ultima settimana la stanchezza è davvero diventata un grosso limite, non riesco quasi a muovermi senza sentirmi cedere le gambe o aver la sensazione di svenire (tutti mi dicono che è per il caldo afoso ma a me un crollo del genere pare veramente eccessivo nè mi è mai successa una cosa simile); ora sono in ferie ma quando tornerò a lavorare credo proprio di non riuscirci in questo stato e non ho nemmeno una diagnosi che dimostri l'impedimento.

[#9] dopo  
Utente
Volevo anche chiederle se con un'eventuale RM encefalica e cervicale nella norma si ha la certezza di NON avere la SM perchè ho letto di lesioni in fase attiva e lesioni in fase non attiva e ora mi sto chiedendo se risultino solo le lesioni attive al momento dell'esame e non magari quelle che non sono più attiva.
La ringrazio.

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

vediamo cosa Le dirà domani il neurologo.
Per quanto riguarda eventuali lesioni demielinizzanti, queste si rilevano alla RM sia in fase attiva che non attiva ma non si possono differenziare senza il mezzo di contrasto. Per essere più chiari, le lesioni si vedono tutte ma senza il mezzo di contrasto non possiamo conoscere quelle attive.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente
Grazie di nuovo per la risposta.
Ho fatto la visita neurologica stamattina. La dottoressa in questione mi ha detto che la visita ha dato un buon esito a parte riflesso achilleo sx debole (nella scorsa visita neurologica effettuata il mese scorso era risultato addirittura assente).
Per quanto riguarda i sintomi mi ha detto che nel complesso sono un po' "atipici", perchè alcuni potrebbero essere propri di alcune malattie come appunto SM, ma altri no, in particolare come mi era già stato detto, anche lei ha sostenuto che la SM non è una malattia che ha principalmente sintomi dolorosi (e io ho più che altro sintomi dolorosi, a parte astenia e le parestesie circoscritte). Comunque al fine di chiudere il ciclo di esami che ho fatto, mi ha prescritto RMN encefalo + colonna cervico-dorsale per escludere lesioni cerebrali infiammatorie e/o cavità siringomielica (da cui secondo lei potrebbe derivare la parestesia nella zona centro-sinistra della schiena).
Domani prenoterò l'esame, con la speranza che dia risultati confortanti.
Se così dovesse essere, dopo doppia visita neurologica, visita ortopedica, visita reumatologica, doppia visita chiropratica, RMN lombo-sacrale, elettromiografia, esami del sangue nella norma, credo che cercherò l'origine dei miei dolori e disturbi in un contesto emotivo (accumulo di stress o tensione) benchè mi sembri impossibile che da ciò possano scaturire dolori acuti, ma tutto quel che c'era da verificare dal punto di vista fisico sarebbe verificato supponendo risultati confortanti da quest'ultimo esame, conviene con me?

La ringrazio per l'ennesima volta per la pazienza, la disponibilità e l'impegno. Per me è molto importante poter avere un confronto con uno specialista benchè online e le sono davvero grato. La disturberò solamente più in caso di anomalie nella RMN.
Cordiali saluti

[#12]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

convengo che dopo le varie visite e gli esami diagnostici effettuati, qualora anche la RM ultimamente prescritta abbia esito negativo, potrebbe tranquillizzarsi.
Ok, mi faccia sapere l'esito della RM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#13] dopo  
Utente
Salve dottore, torno a scriverle perchè in questi ultimi ultimi giorni i miei sintomi hanno subito delle modifiche:
-i dolori alle gambe dopo 3 mesi sono migliorati, non del tutto passati ma hanno perso la cronicitá e si presentano solo più saltuariamente sotto forma di fitte di pochi minuti (in particolare al polpaccio destro e alla coscia sinistra)
-anche la stanchezza è migliorata con il diminuire del caldo, ma è rimasta una debolezza di fondo soprattutto agli arti inferiori
-non ho più avvertito i saltuarti formicolii alle gambe.
In compenso:
-la riduzione di sensibilitá si fa sempre più evidente sia all alluce del piede destro che nella zona della schiena, dove non sento proprio il contatto a meno di pressione davvero forte con oggetto accuminato (non riesco ad avvertire nemmeno bene caldo e freddo)
-negli ultimi giorni è comparsa anche una piccola zona del braccio sx dove noto una sensibilitá più accentuata (nel senso che appena sfioro la zona sento una sorta di dolore)
-sento continue vampate di calore (anche al fresco) per tutto il giorno che mi fanno stare piuttosto male e talvolta mi impediscono di dormire bene, accompagnate da sudorazione decisamente eccessiva (forse conseguenza di affaticamento e debolezza),
-Ho notato un leggero ma fastidiosissimo annebbiamento della vista esclusivamente ls sera
-noto una tendenza degli arti ad addormentarsi in posizione anomale
-brevi ma giornalieri fenomeni di fascicolazioni diffuse (forse quest' ultime dovute all'ansia).
Questa imprevedibilitá nella comparsa ed evoluzione dei sintomi mi sta facendo impazzire, ora sono in vacanza e non me la sto per niente godendo perchè sono in preda alla paura che da un giorno all'altro possa peggiorare e trovarmi lontano da casa con gravi problemi, inoltre la prossima settimana dovrò riniziare a lavorare e ho paura di non farcela. Le chiedo se questi sintomi le fanno pensare a qualcosa di più chiaro in attesa di fare la RM che per questioni di tempi d attesa effettuerò tra un mese.
Dottore sono molto preoccupato e sono ormai convinto di avere una patologia neurologica perchè mi trovo davvero da molto tempo in una situazione di malessere, in particolare sono queste alterazioni di sensibilitá comparse ormai da molto tempo a farmi sospettare il peggio...se l'elettromiografia degli arti inferiori non ha evidenziato danni a nervi cosa può causare una perdita di sensibilitá all' alluce?? Nella SM queste riduzioni di sensibilitá dovrrbbero essere più diffuse? E queste ondate di caldo possono essere in qualche modo collegate?(alcune volte in cui sono preda di queste ondate di caldo ho notato un leggero aumento della febbre non preoccupante ma visibile).
La ringrazio in anticipo

[#14]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i Suoi sono sintomi eterogenei per potere essere valutati a distanza, nello stesso tempo sono anche aspecifici potendosi riscontrare in diverse condizioni, anche banali. I disturbi della sensibilità possono anche manifestarsi con EMG negativa.
Più di questo a distanza non è possibile dire, la RM dovrebbe chiarire il quadro escludendo o meno problematiche organiche.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#15] dopo  
Utente
Gentile dottore,
grazie ad un posto che si è liberato ho eseguito la RM encefalica cervicale e dorsale con e senza contrasto. Risultato: tutto nella norma.
Però i miei sintomi sono peggiorati: la stanchezza è tornata peggio di prima ed ora non riesco a fare due passi senza sentirmi svenire e cedere le gambe, gli attacchi di caldo si fanno sempre più continui ed insopportabili come la sudorazione eccessiva che li accompagna (mi sento andare letteralmente a fuoco per quasi tutti il giorno), i deficit di memoria si sono amplificati (stanotte mi sono svegliato improvvisamente a letto senza sapere come ci fossi arrivato), e di notte pur essendo molto stanco non riesco a riposare bene e mi sveglio almeno un paio di volte a notte tutto sudato.
Ieri mi sono recato al pronto soccorso alla luce di questi sintomi e mi hanno detto che sono sano come un pesce (a parte il potassio basso causa di questa costante sudorazione nonostante prenda polase da un mese e mezzo) e che i miei disturbi sono molto probabilmente causa di un disturbo d'ansia legato probabilmente ad una leggere depressione.
Ho anche iniziato da tre giorni a prendere mezza pastiglia di Paroxetina al mattino su prescrizione della neurologa (anche lei propensa per un disturbo ansioso-depressivo) ma non ho visto alcun miglioramento e anzi oggi mi sono alzato con un capogiro e uno stordimento pazzeschi che mi danno difficoltá nella coordinazione e tuttora dopo 3 ore dal risveglio mi stanno infastidendo. Può essere un effetto indesiderato del farmaco?
Comunque io sono d'accordo con i dottori sul fatto che soffro d'ansia e il mio disturbo va curato però continuo ad aver paura di essere malato, ora ho paura di avere la sindrome da stanchezza cronica che ho visto presentare i miei stessi sintomi: frequenti faringiti, disturbi di memoria, leggere alterazioni della temperatura corporea e questa stachezza disabilitante con sudorazione...lei ritiene che io sia ipocondriaco e che tutto derivi semplicemente da un disturbo ansioso che finalmente curato mi permetterá di stare nuovamente bene? Non so se affidarmi ai dottori che mi hanno visitato o meno? Perchè non prendono nemmeno in considerazione questa CFS che a quanto pare non è cosi rara...

[#16]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per vedere i primi benefici della paroxetina devono trascorrere almeno 3-4 settimane a dosaggio minimo terapeutico che è di 20 mg, cioè una compressa, pertanto è chiaro che ancora non possa vedere nulla se non qualche effetto collaterale che poi dovrebbe regredire spontaneamente in qualche settimana.
Quindi continui la cura iniziata e stia tranquillo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente
Gentile dottore, ho ritiraro oggi il referto della RM encefalo e cervicale-dorsale. Vorrei sottoporle l'esito per un suo parere:

RM ENCEFALO (S.E.C.C.)
Sono state eseguite sezioni nei tre piani ortogonali della base al vertice con tecnica T2-FLAIR, T1-SE, DW-SSh, T2-TSE. Sono state inoltre ottenute scansioni T1 pesate, previa somministrazione e.v. di mezzo di contrasto paramagnetico.
Nella fossa cranica posteriore il quarto ventricolo è mediano, di forma e dimensioni normali. Non vi sono aree a segnale alterato nel parenchima degli emisferi cerebellari e del tronco. A livello sovratentoriale il sistema ventricolare è normale per forma e dimensioni. Non vi sono aree a segnale alterato nel parenchima degli emisferi cerebrali nè aree di anomalo enhancement contrastografico. Normali appaiono i solchi della convessitá. Pseudocisti sottomucosa dello sfondato inferiore del seno mascellare sinistro.

RM COLONNA CERVICALE E DORSALE (S.E.C.C.)
L'esame è stato condotto sul piano sagittale impiegando sequenza SE pesate in T1, T2 e STIR. Sono state inoltre ottenute scansioni T1 pesate, previa somministrazione e.v. di contrasto paramagnetico.
Non si evidenziano alterazioni di segnale e di spessore dei dischi intervertebrali, nè protusioni sul sacco durale. Lo speco vertebrale presenta dimensioni regolari. Non si rilevano alterazioni di segnale dei corpi vertebrali. Il midollo spinale presenta, nei livelli esaminati, dimensioni e morfologia regolari ed è privo di alterazioni focali o diffuse del segnale, sia prima sia dopo somministrazione M.d.C.

Sembra tutto nella norma, posso finalmente stare tranquillo rigardo la SM?
La ringrazio come sempre

[#18]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

come già Lei ha intuito l'esame è negativo, non ci sono alterazioni di tipo neurologico.
Certamente, può stare tranquillo, lasci stare la SM.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro