Utente
Salve, scrivo per una problematica che riguarda mia madre che ha 54 anni. Delle volte lamenta di vedere all'improvviso delle linee lateralmente, come se riuscisse a vedere solo di fronte a lei e di lato invece vede queste linee. Il disturbo dura per circa 10 minuti e non ha altri sintomi. Soffre di pressione alta ed emicrania (ma senza aura, io invece che sono la figlia soffro di emicrania con aura...non so se ciò potrebbe essere utile). Da cosa potrebbe essere provocato questo disturbo alla vista? Si può porre riparo? C'è da preoccuparsi? Grazie.
In attesa di risposta,
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dopo il disturbo visivo insorge cefalea?
Gli attacchi emicranici non sono mai assoviati a quesi episodi?
La Mamma è seguita da un neurologo?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta.
Al momento mia madre non è seguita da nessun neurologo anche perché inizialmente non dava peso a questi disturbi, il loro ripetersi ha però destato preoccupazioni. Inoltre non sempre insorge cefalea, ma talvolta capita prima o dopo il disturbo visivo. Gli attacchi emicranici non sono mai associati a questi episodi.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

considerato che scrive << Inoltre non sempre insorge cefalea, ma talvolta capita prima o dopo il disturbo visivo>> non escluderei un'emicrania con aura mentre i disturbi visivi isolati potrebbero essere inquadrati come aure senza cefalea, fenomeno questo non raro a riscontrarsi.

Pertanto consiglierei una visita oculistica ed una neurologica presso un collega esperto in cefalee, eventuali esami diagnostici verranno richiesti dallo specialista se ritenuti opportuni.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro