Utente
Buonasera e auguri di buon anno a tutti,il mio problema è il seguente:
Da circa 5-6 mesi più giorni alla settimana ho dolore al lato dx superiore della testa (tipo mattone o qualche nervo che "tira")per intenderci all esatta direzione dell occhio. Il dolore fastidio varia da 4 a 6 quindi non invalidante ma è presente praticamente sempre e quando stringo l occhio sempre il dx si accentua e il fastidio diventa dolore anche da "7" solo per qualche secondo per poi ritornare solo fastidio dopo qualche secondo e a volte inoltre interessa anche il lato dx del collo all altezza della tonsilla.. Ho eseguito una visita neurologica con tac ed rmn prima o comunque all inizio di questi sintomi ma per altri motivi (un paio di volte ho avuto la sensazione di un labbro addormentato) tutti nella norma,ho anche fatto una visita otorino con rx dei seni (sinusite curata e guarita) e visita dentistica (piccoli problemi di mal occlusione).il dolore a volte svanisce per qualche giorno ma puntualmente si ripresenta al max dopo una due settimane per durare anche 10-15 giorni consecutivi ripeto non è importante ma comunque è fastidioso anche perché dura da tempo,cosa potrei fare? Un altro visita neurologica e specificare questo problema o rivolgermi a qualche altro specialista? Grazie è ancora buone feste.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in caso di cefalee lo specialista di riferimento è il neurologo, solo in una piccola minoranza dei casi queste sono secondarie a problematiche di competenza di altri specialisti, pertanto è stata corretta la visita neurologica.
Se ancora non ha una diagnosi è opportuno effettuare un'altra visita neurologica (qualora non abbia parlato del problema col primo neurologo).

Non trascurerei nemmeno i "piccoli problemi di malocclusione" che potrebbero essere alla base del dolore. Per questo motivo dovrebbe contattare uno gnatologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro