Utente
Salve,sono una ragazza di 32 anni,fortemente sovrappeso,e vi scrivo per chiedere un parere in merito ad un problema che ho da anni, cioè la sensazione di gamba sinistra più debole della destra (anche se in realtà non lo è).In alcuni periodi (soprattutto durante l'ovulazione o le mestruazioni) sin dall'adolescenza, percepisco questa gamba come diversa dall'altra,si stanca prima,se cammino molto o sto molto tempo in piedi o seduta, questa gamba soffre di più e a fine giornata la sento molto più affaticata. In questi giorni ho proprio questi sintomi in questa gamba, sento i muscoli come contratti,mi bruciano quando sto molto piegata in avanti,ad esempio per lavare i denti, sento debole solo il lato esterno, dalla coscia al polpaccio,ho un senso di tensione dietro la coscia (non dolore),come se il muscolo tirasse.A volte ho senso di freddo e bagnato all'esterno della coscia fin sopra il ginocchio.
Il tutto rientra col riposo,infatti al mattino non ho nulla di tutto ciò...o meglio, avverto un po' di debolezza solo se mi fisso sulla gamba ed inizio a pensarci (sono molto ansiosa ed ipocondriaca).
Se sto molto tempo seduta, soprattutto se in macchina o su parti basse,si attiva tutta questa serie di sintomi,invece muovendomi,la situazione migliora.
Se provo ad aprire la gamba sinistra col ginocchio piegato,sento un leggero dolore all'anca (qualche settimana fa ho sofferto di un dolore estremamente acuto in quella zona,che compariva facendo quel movimento).
Qualche anno fa,soprattutto in inverno, quando stavo ore seduta in auto,sentivo un dolore insopportabile che partiva da sotto il gluteo sx e prendeva tutto il retro della coscia (compressione nervosa?). Ora se sto molto seduta in auto, non ho dolore, ma sensazione di bruciore, intorpidimento,a volte formicolio. Il tutto migliora quando scendo e cammino.
Se mi piego in avanti sento un leggero dolore muscolare sopra il gluteo sinistro.
Cammino con i piedi in fuori,infatti alla sera sento dolore all'esterno dei piedi,soprattutto il sinistro.
Convivo con un dolore lungo l'omero del braccio sinistro, che compare quando alzo il braccio o se lo sollevo verso l'esterno e mi compromette un po' i movimenti,soprattutto al mattino.
Convivo con forte dolore alle costole (alla sera e notturno) all'altezza di mezza schiena sinistra, che ho molto più rientrate rispetto a quelle della parte dx.
Scusatemi per l'elenco infinito dei sintomi ma è per darvi quanti più elementi possibile.
Ho una grave scoliosi evolutiva ad S italica dx convessa,con gibbo costale a dx e basculamento del bacino di 1,5 cm (dati risalenti a quando avevo 12 anni), a causa del quale il mio bacino è più basso proprio a sinistra, infatti ho anche il gluteo sx molto più magro del dx.La sensazione è che tutto il mio peso corporeo vada sulla gamba sinistra,anche da seduta.
Visita neurologica 3 anni fa per un altro problema,che ha evidenziato solo sfumata prevalenza rot a dx,dovuta alla scoliosi,secondo il neurologo.Cosa ho secondo voi?Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

cosa ha non è possibile stabilirlo in questa sede non potendola visitare.
Mi fermerei alla valutazione del disturbo all'arto inferiore sinistro dove sarebbe opportuno indagare a livello della colonna lombosacrale mediante esami diagnostici che il medico curante potrebbe prescrivere. Anche la colonna cervicale andrebbe studiata accuratamente.
Per il resto effettui una visita ortopedica.
Se risulteranno alterazioni alla colonna vertebrale, in base alla loro tipologia, il medico curante La invierà verso lo specialista di competenza.
Utile potrebbe risultare un'EMG se richiesta dallo specialista.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua celere risposta dottor Ferraloro. Devo dirle la verità, non ho mai indagato su questo disturbo, sia perchè va e viene da solo e quindi gli ho sempre dato poca importanza, ma anche perchè ho il terrore che sia la spia di una malattia neurologica seria, come la sla o la sclerosi multipla...Leggendo su internet ho visto che molte persone pensano subito a queste malattie quando si presentano sintomi simili ai miei,non sono l'unica...
Secondo lei i miei sintomi devono preoccuparmi in tal senso? Ce li ho da anni ed anni e sono intermittenti, durano qualche giorno e poi svaniscono...Non ho altri sintomi di quelle malattie, li ho letti tutti...
Anche la debolezza (o pesantezza,o intorpidimento,non so come chiamarlo) stessa della gamba è variabile all'interno di una stessa giornata, ad esempio quando mi muovo svanisce...Dopo il riposo notturno svanisce...Forse se avessi una malattia grave non sarebbe così,giusto dottore?
Mi scusi,ma sono terrorizzata. Grazie.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche Lei si lascia prendere da Internet? Su centinaia di malattie neurologiche perchè vi focalizzate tutti sulla SM e sulla SLA? Solo perchè le propina la Rete, sono le nuove fobie causate da internet su soggetti suggestionabili e predisposti.
Il dolore non è un sintomo di SLA, piccole parestesie di breve durata non hanno nulla a che vedere con la SM.
Indaghi la colonna vertebrale, particolarmente il tratto cervicale e lombo-sacrale, e stia tranquilla.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottor Ferraloro, la ringrazio molto per la risposta. In effetti internet ha contribuito,negli anni,a farmi ammalare di ipocondria, vorrei smettere di cercare i sintomi in rete ma è un'abitudine ormai radicata...
Ho sentito il mio medico di famiglia, che al momento è in ferie, e gli ho descritto il mio problema: secondo lui, viste le zone della gamba interessate (fastidio nel gluteo, dietro la coscia e in tutta la parte esterna della gamba) si potrebbe trattare di sciatica senza dolore e mi ha detto di prendere tachipirina mille, quando torna al lavoro mi prescrive gli esami da fare...
Davvero esiste la sciatica senza dolore?
Vorrei chiederle anche un'altra cosa: qualche anno fa ho effettuato una visita in uno studio podologico e sono stata sottoposta ad esame baropodometrico, che ha rilevato,oltre a scoliosi,cifosi,lordosi,piedi che poggiano in fuori) che il mio peso corporeo è distribuito per il 43,8% sulla gamba destra e per il restante 56,2% sulla sinistra,la gamba che mi dà problemi. Secondo lei questo può avere un ruolo in questo mio disturbo ricorrente, soprattutto alla luce del fatto che peso 40 chili in più di quelli che dovrei pesare?
Grazie ancora e buon lavoro!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

un risentimento sciatico può manifestarsi con la sintomatologia riferita.
Il peso è un altro componente importante nel determinismo di alterazioni della colonna vertebrale, particolarmente della parte bassa. Anche la distribuzione del peso sugli arti inferiori è un elemento da prendere in considerazione.
Dopo avere effettuato gli esami alla colonna, in base all'esito, si deciderà come procedere.
Nel frattempo consulti un dietologo medico per iniziare un programma di riduzione graduale del peso.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore. Sto già seguendo una terapia alimentare per il dimagrimento, sta andando molto bene, la ringrazio molto per il consiglio.
Intanto il disturbo è sparito già da ieri sera, e con esso il forte dolore alle costole (o viceversa), anche il braccio fa meno male ed è meno pesante. Il fatto che questi disturbi siano regrediti insieme è forse una conferma che ci sia qualcosa che non va nella schiena, e che i sintomi alla gamba siano solo un riflesso?
La aggiorno sugli esiti degli esami. Cordiali saluti Dottore, è stato gentilissimo.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

senza una visita non è possibile dare una risposta attendibile, in generale il problema della gamba molto spesso ha origine dalla schiena.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentile Dottore, ho prenotato l'rx lombosacrale e cervicale, ma ci sarà da aspettare molto... Nel frattempo il disturbo è regredito del tutto,senza utilizzo di medicinali. La cosa strana è che questi sintomi sono spariti di botto in 3 giorni in cui ho avuto molto da fare e neanche un minuto per pensare alla mia gamba, mi viene quindi da pensare che questa potrebbe essere una delle mie tante somatizzazioni ansiose, è possibile? Ed è possibile che io somatizzi quasi sempre solo su questa gamba? Non trattandosi di dolore, ma solo di sensazioni, potrebbe essere? La ringrazio ancora Dottore.

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche la Sua ipotesi in generale è ovviamente possibile, non posso sapere però a distanza se questo sia il Suo caso, è comunque probabile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro