Utente
Buonasera, oggi, x la seconda volta con la stessa persona, nel bel mezzo di un discorso (nulla di particolare) il vuoto assoluto. non mi ricordavo piu' cosa volevo dire. dopo circa una quarantina di secondi interminabili, mi è tornato il filo del discorso Di tanto in tanto mi succede. Di notte prima di addormentarmi sovente vedo (ad occhi chiusi ma ancora sveglio) scorrere immagini con dettagli macro dei particolari, non brutte o terrificanti, anzi pero' mi sembra di essere in un film!.Tengo a precisare che da 4 anni sono x seria patologia legata all'esofago, a dieta ferrea (dieta datami dal reparto che mi segue all'ospedale) e dall'ultimo esame della scorsa settimana, sono molto molto migliorato (caso non impossibile,ma indubbiamente raro in questo caso) a detta del medico che mi fa le gastroscopie annualmente o ogno 18 mesi..-- Mi ricordo cose successe tantissimi anni addietro e ricordo a stento cose relativamente recenti.ribadisco che da 4 anni non bevo assolutamente null'altro che acqua naturale.caffe' solo d'orzo. cucina priva di grassi veramente. uso solo consentito di olio di oliva. no lievitanti (pane x esempio) non ho quindi vita di societa' non potendo bere -mangiare- fare cio' che fanno gli altri, x intenderci. in effetti sto come gia' detto molto meglio pero' in compenso, difetto in memoria? ultimamente mi son fatto prescrivere un calmante x cercare di dormire sereno e staccare dallo stress che ultimamente mi attanaglia x motivi economici. Che esami dovrei fare x scongiurare un inizio di .....non voglio nemmeno scriverlo, ma mi avete capito.... grazie a chi mi indirizzera' sulla giusta linea da seguire.maschio- anni 60mt 1.90- 124kg- grazie ancora.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

in casi come il Suo, prima di pensare eventuali esami diagnostici, è razionale effettuare una visita neurologica per avere una base clinica da cui partire.
Fondamentale è distinguere (diagnosi differenziale) tra problemi organici e problemi psichici (ansia, stress, depressione, ecc.), condizioni entrambe che possono causare la sintomatologia descritta.
Eventuali esami strumentali associati a test neuropsicologici indaganti diverse funzioni cerebrali (memoria, capacità cognitive, ecc.) saranno richieste dal collega se ritenuti utili.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro