Utente
Buonasera scrivo qui in quanto avrei tanto voglia di risposte.
Chiarisco la mia posizione dicendo che sono figlio di due medici e che dal 17 giugno 2015 mi sono stati diagnosticati attacchi di panico. Sono sempre stato un ragazzo caratterizzato da una forte ipocondria e ora faccio l'università e sto studiando per un esame che avrò a breve. Sono 7 mesi che ho molta paura di avere un tumore al cervello e a differenza di molte altre persone, pur avendo paura, ho paura di fare controlli. Un mese fa sono stato costretto a fare le analisi in quanto sono stato operato d'urgenza ad un testicolo e le analisi post operazione indicavano una VES è una PCR abbastanza alta. Ultimamente, oggi soprattutto, ho sensazioni come di brividi in faccia, soprattutto nei punti in cui ho la barba, e ho molta paura sempre di questo tumore. Purtroppo i miei genitori continuano a dirmi che non ho nulla e che un ragazzo di 19 anni si vede da lontano se ha un problema così grave, ma è come se non riuscissi a credergli in quanto penso che non vogliono accettare la realtà. In tutto ciò 20 giorni fa ho fatto visita oculistica accurata e 4 mesi fa visita neurologica.. Vorrei un parere oggettivo riguardo la mia situazione. Distinti saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

capisce bene che un "parere oggettivo" on line non è possibile darlo.
Certo che se la paura di un tumore cerebrale si basa sui brividi in faccia Le posso dire che la paura è totalmente infondata.
Piuttosto Le consiglio di affrontare il problema ansioso e gli attacchi di panico rivolgendosi ad uno psichiatra.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio infinitamente per la sua disponibilità e per la sua velocità nel rispondere. Lei ha perfettamente ragione ed infatti ho intrapreso un per sorso da una psicoterapeuta 7 mesi fa. L'unica cosa che volevo chiederle sebbene ripeta queste domande ininterrottamente ai miei genitori: io ho avuto da 7 mesi a questa parte un corteo di sintomi che sono arrivati e scomparsi, quando mi diverto sicuramente sono meno forti.. Ad oggi l'unica cosa che posso accusare è il sintomo del prurito e brividi nei punti dove risiede la barba, quindi potrebbe essere qualcos altro. Comunque sia lei quindi mi dice che probabilmente i brividi in faccia dovrebbero essere accompagnati da altri sintomi per poter pensare ad un tumore o ad una SM ? Scusi se sono ripetitivo però capisca che vivere così a 19 anni è un problema sia per il mio percorso universitario sia per la mia persona, in quanto forse mi sto rovinando i migliori anni.
La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il sintomo riferito è verosimilmente di natura ansiosa, curi l'ansia e se la psicoterapia non è sufficiente non abbia timori ad intraprendere anche quella farmacologica, se consigliata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno Dr. Le volevo dire che il sintomo riferito riguardo ai brividi è scomparso. Ora ho sensazione come di mancato equilibrio. In tutto ciò io ho problemi abbastanza grandi all'ATM in cui ho una lussazione e sono caratterizzato da bruxismo sia di giorno che di notte. Riguardo al mio equilibrio provo a fare le prove neurologiche come ad esempio chiudere gli occhi alzare le braccia e vedere se sbando, ma nel momento in cui mi metto su una gamba sola, non riesco a mantenere per molto l'equilibrio {sempre chiudendo gli occhi e alzando le braccia} è una cosa preoccupante.?
La ringrazio anticipatamente per la risposta.
Distinti saluti.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Assolutamente no, nessuna preoccupazione.
Le dico pure che effettuare cosiddette "prove neurologiche" da solo, in casa, è già un sintomo di ipocondria.
Se non affronta questo aspetto non risolverà le Sue paure.
Curi pure la disfunzione dell'ATM rivolgendosi ad uno gnatologo.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro