Utente
Buonasera, due anni fa circa chiesi un consulto neurologico e, oggi, purtroppo, sono molto preoccupata. Confidando in una vostra risposta e ringraziandovi anticipatamente, vi racconto la mia storia. In primis, ho 32 anni e sono una ragazza abbastanza ansiosa. All'età di circa 15 anni ebbi la mononucleosi e nel 2013 l'HPV, oggi espulso. Come dicevo, due anni fa, giugno 2014, chiesi un consulto in merito a dei sintomi particolari che non avevo mai accusato prima di allora. In particolare, mi riferisco a formicolii agli arti, intorpidimenti e sensazione di punture di spilli in tutto il corpo. Feci gli esami del sangue ed urine e dai risultati si riscontrò un' infezione batterica alle vie urinarie che, stranamente, non mi dava alcun sintomo. Il mio medico mi disse che un'infezione può portare ad accusare i sintomi che riferivo e di cui sopra. Curai l'infezione con un antibiotico e mi ripresi. Non contenta, feci una visita neurologica la cui diagnosi fu: "mialgia dorso-lombare in soggetto ansioso. In atto non storia compatibile con malattia neurologica. Si consiglia di eseguire i seguenti esami: potenziali evocati visivi e acustici e visita fisiatrica". Non ho effettuato i potenziali e la visita fisiatrica la feci solo a gennaio di quest'anno. A gennaio di quest'anno, dunque, iniziai ad accusare fortissimi mal di schiena, zona dorsale e cervicale principalmente, lombare alcune volte, che portarono il mio medico a farmi eseguire una radiografia totale. Dalle lastre non risultò niente di anomalo; feci la visita da un fisiatra-omeopata che mi prescrisse dei rimedi nonché 10 sedute di fisioterapia e laser-terapia. Non ebbi più dolori, e questo, per fortuna, fino ad oggi. Andando dal mio ginecologo un paio di mesi fa con l'intenzione di volere prendere la pillola, portai le ultime analisi del sangue, gennaio 2016 (esame di routine), per capire se i miei valori potessero essere compatibili con l'ipotesi di prendere la pillola. Assolutamente no. Il mio ginecologo, al contrario del mio medico, notando un'inversione di formula leucocitaria (neutrofili 32%-linfociti 60%) mi disse che avrei dovuto ripetere le analisi ed indagare. A maggio ripeto l'emocromo e la mia formula continua ad essere inversa(neutrofili 36%- linfociti 55%). Mi rivolgo ad un ematologo circa una settimana fa, il quale, facendomi le consuete domande e visitandomi, mi consigliò di fare alcuni esami specifici e cioè, studio delle sottopopolazioni linfocitarie, dosaggio vitamina B12, acido folico, Ferritina e LDH. Ho fatto il prelievo lunedì scorso e vado a prenderlo domani. Vi scrivo oggi perché temo di essere affetta da SM e che quell'evento risalente a giugno del 2014 fu l'esordio della malattia rimasta silente per ben due anni. Adesso capita di accusare formicolii e di avere un piccolo dolore all'occhio sinistro, tipo senso di pesantezza e ovattamento. Dagli esami del sangue che andrò a prendere domani, si può evincere la probabilità che io sia affetta da SM?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

dagli esami del sangue non si può diagnosticare una SM, infatti non fanno parte del protocollo diagnostico.
Peraltro il neurologo ha escluso, a suo tempo, questa eventualità.

<<Adesso capita di accusare formicolii e di avere un piccolo dolore all'occhio sinistro, tipo senso di pesantezza e ovattamento.>> I formicolii sono continuativi o intermittenti? cioè quando durano mediamente?
Il disturbo all'occhio è un po' vago per pensare ad una neurite ottica, comunque una visita neurologica è indicata ugualmente.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta. I formicolii sono intermittenti. Ad esempio fino ad oggi non li avevo avuti. Ho iniziato ad avere il formicolio nella giornata di oggi a partire dalle 15,30 e adesso continuo ad averlo, va e viene, ma c'è. Tra l'altro è sempre la parte sinistra. Per quanto riguarda l'occhio sinistro ho avuto questo fastidio circa una settimana fa, non lo considererei un vero e proprio dolore. Il pensiero di avere questa malattia mi fa stare malissimo.

[#3] dopo  
Utente
Se avessi una neurite ottica quali sarebbero i sintomi più evidenti? Se posso. Grazie

[#4]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i formicolii intermittenti di solito non fanno parte della sintomatologia della SM.
In caso di neurite ottica i sintomi sono molto più importanti con dolore forte e offuscamento della vista non di breve durata.
Faccia con tranquillità una visita neurologica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro