Utente
Sono circa 21 giorni che soffro di capogiri a pussè con formicolio cranico.il disturbo si presenta spesso la mattina al lavoro e la sera quando mi rilasso. tengo a precisare che faccio fitness e ballo e durante queste attività questi problemi non si presentano. ho effettuato una TC cranio negativa, un Rx cervicale e m'hanno trovato una leggera deviazione della colonna tra C4 e C5. ho effettuato esami ematochimici risultanodo tutti negativi. sono stato dall'otorino che m'ha diagnosticato un'iporiflessia vestibolare bilaterale, ma pur seguento la sua cura i sintomi non migliorano. alcuni amici m'hanno detto che questi disturbi possono durare anche mesi. cosa dovrei fare per migliorare la sintomatologia? dovrei fare altri esami più approfonditi, e se si quali?
Grazie
Michele Carbone

[#1]  
Dr. Claudio Lorenzetti

24% attività
0% attualità
12% socialità
VIGEVANO (PV)
BIENTINA (PI)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Se agli accertamenti vengono escluse delle patologie fisiche o, comunque, se tali patologie non sono tali come entità da giustificare i sintomi lamentati, è possibile che si tratti di un disturbo nervoso chiamato Attacchi di Panico. Tale disturbo può essere caratterizzato da una sindrome pseudovertiginosa quasi sempre accompagnata da crisi d'ansia ed altri sintomi fisici fame d'aria, palpitazioni, sensazione di svenimento, paura degli spazi chiusi o molto grandi con loro evitamento. In questo caso è possibile trattare il disturbo con delle terapie psicofarmacologiche mirate. Prima di porre però questa diagnosi è però necessario eseguire delle prove vestibolari presso un otorinolaringoiatra, per escludere un quadro vertiginoso primario.

Dr. Claudio Lorenzetti
Dr. Claudio Lorenzetti

[#2]  
Dr. Silvio Presta

28% attività
0% attualità
4% socialità
SERRAVALLE PISTOIESE (PT)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Molte sindromi dello spettro ansioso possono presentarsi con sintomi analoghi a quelli da lei riferiti, poichè ciò che noi chiamiamo 'ansia' non è altro che una disfunzione del sistema neurovegetativo, ed in alcuni casi può presentarsi in assenza della componente psicologica dell'ansia stessa. In tali casi una terapia specifica può 'miracolosamente' migliorare questi sintomi fisici. Riterrei perciò opportuno tentare anche questa strada.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
Silvio Presta