Utente
Buongiorno dottore, da circa 7 mesi i miei famigliari mi riferiscono di alcuni episodi di perdita di coscienza X alcuni secondi..in questi mesi mi sono sottoposta ad accertamenti tipo tac da cui non è risultato nulla, elettroencefalogramma da cui è risultato rara è breve comparsa di ritmo alfa a 12 Hz e presenza di attività lenta e puntuta di banda theta innregione frontotemporale dx attività di fondo di basso voltaggio e X lunghi tratti di aspetto desincronizzato,
dalla risonanza magnetica studio effettuato con tecnica Flair,tse e' risultato sistema ventricolare in asse normale per morfologia e dimensioni e non sono evidenti aree di patologico segnale,
ecocolor doppler arterie vertebrali flussi normodiretto e normomudulato, arterie succlavie idem
Mi sono sottoposta anche a visite da specialisti che mi hanno detto che tutta questione di stress ma Oggi mentre dormivo ho avuto una crisi epilettica con perdita di sangue dalla bocca con vomito e forti dolori pulsanti nella zona dx della testa....cosa dovrei fare ancora mi devo preoccupare??? Resto in attesa di un vostro riscontro, grazie!!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

la natura epilettica degli episodi riferiti è possibile, anche con TC e RM encefaliche nella norma. Consideri pure che l'EEG può essere indicativo per epilessia.
In tal senso Le consiglio una visita presso un epilettologo, che è un neurologo perfezionato in epilessie, o presso un centro per la diagnosi e la cura delle epilessie.
Riguardo l'ultimo episodio, Lei scrive di "perdita di sangue dalla bocca", questo elemento va preso seriamente qualora il sangue sia di origine dalle vie digestive o respiratorie, in questo senso ne parli subito col medico curante, ma è possibile pure che sia stato causato da morsicatura della lingua, è proprio questa diagnosi differenziale ad essere al momento fondamentale.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro