Utente 465XXX
DISTURBI DEL SONNO/PARASONNIE/INSONNIA.Salve,sono una ragazza di 28 anni,da circa 7 anni ho sofferto di insonnia, andava e veniva a periodi e negli ultimi anni si è intensificata.A settembre del 2016 mi sono ammalata, ho cominciato ad avere disturbi del sonno quali risveglio confusionale al mattino,forte bruxismo, deficit d'attenzione e cognitivi,ed anche stanchezza fisica al risveglio, sembrava avessi scalato una montagna e mi avessero dato una botta in testa, per capirci.Purtroppo il disturbo si presentava tutti i giorni , cronico, a novembre entrai in cura in psichiatria ad un ospedale dove non capirono affatto il problema , venni trattata all'inizio con trittico e mezza pasticca di tavor,che mi faceva dormire inizialmente ma mi dava una sensazione orribile nel cervello come se stessi svenendo e forte angoscia, ogni volta avevo ansia e quando lo prendevo passavo a volte 1 o 2 ore nel panico,così lo smisi e mi venne tolto anche da loro perchè non mi bloccava i movimenti,ho fatto uso di trittico per un massimo di 7 giorni.Successivamnte provarono con la mirtazapina 7,5 mg ma non mi faceva proprio dormire, alla fine arrabbiata insistetti per una videopolisonnografia che mi fu negata , ma mi fecero fare quella a domicilio,il risultato non venne ovviamente perchè non dormii tutta la notte e si staccarono dei cavi.Durante tutto il periodo in questione ho solo preso il tavor che non bloccava queste sensazioni che avevo al mattino(ovviamente io capivo che avevo dei movimenti inconsulti dai dolori muscolari e articolari e dal fatto di essere sfinita).Ero arrivata a pesare 45kg, non mi veniva piu il ciclo e avevo l'affanno.Mi diedero poi il rivotril e con solo 7 gocce al mattino non ero in stato confusionale e non stavo male fisicamente come se avessi fatto una lotta, richiesi di fare la videopolisonnografia in regime ospedaliero, mi fu negata anche stavolta.Ora sono in cura presso un altro ospedale purtroppo non hanno i macchinari per la polisonnografia, ma mi fecero altri accertamenti come rm encefalica ed elettroencefalogramma, non c'erano malattie organiche. abbiamo provato diverse cure(perchè ormai con il rivotril non dormivo piu essendo assuefatta)gabapentin,depakin ma tutte mi agitavano.Ero in cura con 50 seroquel e rivotril 18 gocce con un parziale beneficio il primo mese e mezzo/2 cioè riuscivo quasi sempre a fare 4/5 ore di seguito di sonno poi mi riaddormentavo e a volte avevo dei risvegli.Ora invece la situazione è peggiorata non facevo piu di 3 ore di seguito e poi avevo continui risvegli durate la notte, il dottore da 2 giorni me l'ha fatto alzare a 100 mg ma la situazione sembra addirittura peggiorare.Non è che con me faceva effetto solo il sedativo mentre l'azione stessa del farmaco cioè di bloccaggio dei neurotrasmettitori non funzioni con me o mi agiti per questo i vari risvegli?Le dico qualcosa su di me,ho sempre sofferto d'ansia e in passato di attacchi di panico,negli ultimi anni ho una forte rabbia e nervoso interiori. grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Buonasera a Lei,

qualora, come scrive, i suoi disturbi siano "Disturbi del Sonno, Parassonnie ed Insonnia"...

...ritengo come sia importante preliminarmente conoscere la "architettura del suo sonno" ed il comportamento durante il suo sonno per poter formulare delle ipotesi di lavoro.

Il prescrivere farmaci più o meno a caso penso possa essere scarsamente efficace se non controproducente.

Buona cosa è comunque sapere di non avere malattie organiche (la riferita RM Encefalo nella norma).

Lei ha ragione: l'esame di elezione del quale ha necessità è la Video-EEG-Polisonnografia eseguita in regime di ricovero.

Giacchè non riesce in alcuna maniera a effettuare l'esame più indicato nel suo caso mi permetto di renderLa edotta di quanto segue...

Purtroppo personalmente ho da offrirle solamente soluzioni di tipo privato: ovvero un team dedicato alla Medicina del Sonno ed una Struttura Neuropsichiatrica in Roma che comprende un Centro di Medicina del Sonno del quale sono il Responsabile (personalmente sono socio dell'AIMS: Associazione Italiana Medicina del Sonno).

Qualora interessata, seppur il regime esclusivamente privato, mi cerchi sul web (sufficiente scrivere nome e cognome e la città Roma) ovvero usi le coordinate di contatto email qui sotto riportate.

Cordialmente.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
Utente 465XXX

Buongiorno,
la ringrazio della risposta. Come vede ho dovuto riassumere più o meno tutto il mio percorso e non è stato facile , soprattutto perchè ho dovuto tralasciare alcuni particolari. Lei ha perfettamente ragione , ed è quello che io avrei voluto fare fin dall'inizio, una video polisonnografia, purtroppo l'ospedale dove ero in cura inizialmente , immagino non possa fare il nome, era disorganizzato e pieno di incompetenti, pensi che lo psichiatra specializzando che mi seguiva aveva detto di non conoscere bene le parasonnie e la professoressa che lo seguiva voleva rimandarmi a casa!! e la neurologa dopo 4 mesi insisteva con polisonnografia a domicilio quando questa si fa in questo modo per chi soffre di apnee, non con questo genere di disturbi neuropsichiatrici. L'errore purtroppo è stato al principio. In pratica ho capito prima io quello che mi stava succedendo che loro!
Ora mi chiedo però come possa farla questa video polisonnografia perchè so che va fatta in assenza di farmaci, io purtroppo prendo rivotril da 8 mesi (ora 18 gocce) ed immagino ci voglia tempo per smetterlo, mentre il seroquel solo da 3 mesi. Come si potrebbe fare?
Nel nuovo ospedale dove sono in cura e non hanno i macchinari per la video polisonnografia mi avevano dato delle medicine e alzato il rivotril per rimettermi un po in sesto e mi hanno detto in un secondo momento, cioè a fine terapia, di trovare un modo di fare quest'esame. Il fatto è , come vede che non hanno trovato una terapia adeguata, purtroppo basandosi su linee standard quando il caso non lo era affatto, e so che questo non fa bene al cervello. In ogni caso prenderò in considerazione il suo centro , perchè con il mio ragazzo stavamo pensando di consultare altri specialisti..non è possibile andare avanti più di un anno con questo problema . Ho dovuto lasciare gli studi ed il lavoro. Grazie e buonagiornata