Utente
Gentilissimi,

avrei un quesito da porvi: a gennaio 2017 a seguito diagnosi cefalea muscolo tensiva, ho iniziato un trattamento giornaliero di 1 mg clonazepam alla sera prima di coricarmi. Il neurologo che mi visito' allora mi prescrisse un trattamento prolungato con la condizione di non aumentare per nessun motivo il dosaggio. Gli chiesi in caso di sospensione se dovevo ridurre gradualmente o bruscamente e mi rispose che a un dosaggio cosi' basso potevo sospendere dall'oggi al domani.
Sono passati 2 anni e mezzo da allora, non ho mai aumentato il dosaggio come raccomandatomi dal neurologo ed il farmaco non mi ha causato alcun problema ed il mal di testa è scomparso dopo i primi giorni di assunzione del farmaco.
Quanto si legge in materia di effetti collaterali del farmaco ma anche la burocrazia legata all'acquisto dello stesso mi farebbero optare per la sostituzione del clonazepam 1 mg con integratori a base di melatonina.
Essendo passato pero' molto tempo dalla prima assunzione ed avendo prolungato il trattamento sino ad oggi Vi chiedo se ritenete opportuno interrompere bruscamente il farmaco o se propendete per sostituirlo gradatamente con melatonina e se si in che modo e a che dosi?
Tranne la cefalea muscolo tensiva non soffro di alcuna patologia.
Ringrazio per l'attenzione e saluto cordialmente

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
il trattamento di elezione della cefalea muscolo-tensiva non implica l'utilizzo di farmaci alquanto diversi dal clonazepam ma comunque non di certo della melatonina. Comunque, sembra di dedurre dalla sua richiesta di consulto che abbia deciso di sospendere il clonazepam e di sostituirlo con la melatonina che è un ormone ipnoinducente. I meccanismi d'azione sono completamente diversi. Concludo informandola che attraverso questi consulti online non è assolutamente consentito dare consigli terapeutici ma solo informazioni di carattere generale.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dott. Colangelo,

la ringrazio per il consulto che mi ha chiarito le idee sulla differenza tra il farmaco e l'integratore sensibilizzandomi sull'importanza di continuare o variare la terapia sotto controllo medico.

Cordialmente,