Utente
Buongiorno,

Sul suggerimento del dottor Mauro di Camillo ( https://www.medicitalia.it/consulti/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/68184-campylobacter.html ) sono qui a chiedere questo consulto di neurologia.

I sintomi che percepisco ora sono quelli che ho scritto in tale consulto qui sopra menzionato:
- vertigini ( non gira la stanza ma sono vertigini soggettive, come se non fossi molto in equilibrio )
- disturbi psico motori ( non so come altro chiamarli ). Anche nel fare le cose più semplici come camminare ho la sensazione di non muovere bene le gambe. Come se mi fossi rintronato tutto di un colpo.
Ho dei fastidi alle dita delle mani, è come se si dovessero incrociare per forza.
Braccia idem mi sembra ogni tanto di fare movimenti non troppo controllati.
- dolori alle ginocchia, sopratutto la destra ( non ci sono rigonfiamenti o lividi ) e si irradiano per tutto il polpaccio
- sonnolenza e stanchezza
- fitte alla gabbia toracica e schiena

La omeopata da cui sono in cura,dice che disturbi di natura neurologica, possono essere provocati dalla infezione del campilobacter, che ho in corso e che sto curando. E possibile questa cosa?
Inoltre volevo chiedere se è il caso di fare qualche controllo e/o qualche esame specifico per i miei disturbi? Se si quali?

Già a settembre ho fatto due visite di base dal neurologo più una risonanza magnetica alla testa. Il tutto ha dato esito negativo.

A mio modesto parere senza bisogno di allarmarsi una controllata gliela darei, perchè comunque non sono proprio in formissima.

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
non ha specificato di che genere di Campylobacter si tratta. Come le diceva il collega, la diagnosi si fa con la ricerca nelle feci. Sta facendo una terapia antibiotica? Comunque i sintomi che lei accusa non sono riferibili all'eventuale Campylobacter. Le consiglio di effettuare una nuova visita neurologica.
Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro