Utente
Buonasera,
scrivo per avere un vostro gentile parere sulla mia situazione di salute. Da febbraio di quest'anno che soffro di mal di testa continui, pizzichi e bruciori continui alla testa e al volto. Fatto due visite dal neurologo risultate del tutto normali e RM con e senza mezzo di contrasto tutto nella norma. Mi è stata diagnosticata cefalea muscolo tensiva curata con Laroxyl 10 gocce la sera. Dopo un paio di mesi la cura ha funzionato e sono stata molto meglio. Dopo 6 mesi di cura d'accordo con il neurologo e il mio medico curante ho cominciato a scalare le gocce (visto anche gli effetti collaterali tipo tachicardia, stordimento, gonfiore che le gocce mi davano) . Ma a 15 giorni dalla sospensione della cura i sintomi iniziali si stanno ripresentando. Mal di testa, pizzichi alla testa, al volto e qualcuno alle gambe. La mia domanda è questa: è normale questa situazione? Non esiste una cura alternativa al Laroxyl da poter assumere regolarmente e che non abbia tutti questi effetti collaterali? Aggiungo anche che ho una cervicale abbastanza compromessa a seguito colpo di frusta e presenza di due ernie cervicali. Mi date un consiglio su come posso risolvere questa situazione? Mi hanno consigliato fisiatra, ginnastica posturale, agopuntura ma non so da cosa sia giusto iniziare. Grazie mille per la risposta.
Un cordiale saluto.

[#1]  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Buongiorno
le terapie per le cefalee spesso devono essere proseguite molto più a lungo dei sei mesi, a meno che, come è il suo caso, non diano effetti collaterali intollerabili.
Il Laroxyl è il farmaco d'elezione per la cefalea muscolo-tensiva e per molte forme di cefalea emicranica. Tenga conto che vi sono anche molte forme miste.
Se la sua è una forma sicuramente e solo muscolo-tensiva le alternative a una terapia farmacologica sono quelle che le hanno già consigliato. Io aggiungerei il Training Autogeno e il Biofeedback (o Neurofeedback).
Se infine vi sono attualmente situazioni tensiogene o stressanti, o anche una temperamentale sensibilità agli stressors, è indicata la psicoterapia cognitivo-comportamentale.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-