Utente
Buonasera, sono una ragazza di 24 anni, le scrivo in merito a un mal di testa che è presente da circa una settimana, nello specifico è come se sentissi un peso sulla testa per l’intera giornata, alternato ad alcuni momenti in cui è completamente assente Oppure ad altri in cui si sposta sulla fronte o dietro il cranio. Sottolineo che questi mal di testa sono stati presenti anche nel 2015 per più mesi, e avendo fatto elettroencefalogramma e tac e non avendo riscontrato problemi, mi è stato prescritto dalla neurologa Flugeral per 50 giorni, così in seguito non ho più avuto dolori. Nel 2017, in seguito ad un incidente in macchina, in ospedale mi è stata fatta una tac che ha evidenziato all’ipofisi una formazione di 5 millimetri, la quale è stata approfondita, sotto consulto dell’endocrinologo, con una risonanza magnetica con contrasto. Le riporto l’esito della risonanza: nel contesto dell’ipofisi, che conserva normale aspetto morfo-volumetrico, si riconosce una piccola immagine apparentemente ovalare (5x3 mm) localizzata al confine fra neuro e adenoipofisi, caratterizzata da segnale ipointenso in T2 per verosimili concrezioni calcifiche contestuali, che non mostra segni di enhancement dopo contrasto. Normale aspetto del chiasma ottico. Il reperto potrebbe deporre per una piccola cisti della tasca di Ratcke con pareti calcifiche. Inoltre, sottolineo che ho disturbi dell’articolazione temporo mandibolari e sono in attesa del bite. Quindi, dopo che per 4 anni non ho avuto più dolori, le chiedo da cosa possa dipendere questo peso che avverto sulla testa? La ringrazio.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

la cefalea che descrive sembrerebbe di tipo tensivo, ovviamente come ipotesi a distanza.
Anche la disfunzione temporo-mandibolare potrebbe essere all’origine del disturbo.
Ne parli inizialmente col medico curante per avere una prima valutazione diretta del problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro