Utente 372XXX
Buonasera mio fratello ha ricevuto ieri un pugno di media forza sulla testa, diciamo all'incirca poco sopra l'orecchio.
Ovviamente sul posto ha sentito dolore per via dell'urto, poi poco dopo è uscito un bernoccolo arrossato sulla zona.
Non ha nessun tipo di sintomo particolare, cioè è semplicemente dolente al tatto e l'unica cosa è che quando esagera le smorfie di sorriso o comunque sforza molto i muscoli facciali avverte fastidio in quel punto, dal trauma sono trascorse circa 30 ore.
Io sono molto ansioso e penso subito alle peggiori cose, come emorragie interne o traumi cranici gravi quindi volevo sapere se alla luce dei sintomi potessi stare tranquillo o dovessi preoccuparmi.
Buona serata e grazie in anticipo della risposta

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi pare di capire che Suo fratello sia asintomatico per cui non penso che ci siano motivi di preoccupazione.
Faccia fare solo una visita dal medico curante.
Se dovessero subentrare nuovi sintomi si rechi al P.S.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 372XXX

Grazie dottore della gentile e rapida risposta.
La aggiorno sul prosieguo: sono passate più di 48 ore, intorno alle 50 diciamo, dal trauma e la situazione é come quella descritta ieri. Rispetto a prima la zona sembra meno arrossata e leggermente meno gonfia, pur rimanendo visibile un rigonfiamento dove ha preso il pugno.
Il fastidio al tatto é rimasto e si presenta solo se proprio forza le espressioni facciali, appunto é rimasto quindi praticamente il solo rigonfiamento. Visto il tempo passato possiamo definitivamente ritenerci tranquilli o possono presentarsi effetti anche a lunga distanza dall'accaduto? E secondo lei é normale che il rigonfiamento ci impieghi più di 48 ore a rientrare?
Mi scusi se sono un po' ansioso ma davvero sono due giorni che abbiamo addosso un po' di apprensione.
Cordiali saluti, la ringrazio nuovamente.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il "rigonfiamento" è un fatto esterno, cutaneo e sottocutaneo, e non desta preoccupazione, il suo assorbimento necessita di tempo.
Per il resto può stare tranquillo, Le rinnovo solo il consiglio di farsi controllare dal medico curante.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 372XXX

Gentile dottore, mi scusi se la assillo con continue domande ma vorrei sapere se l'assenza di perdita di sensi, vomito, perdite di sangue o difficoltà motorie o legate ai sensi al momento del trauma esclude ci siano conseguenze gravi a distanza di diversi giorni o settimane. Cioè fosse stato un trauma grave con possibilità di avere conseguenze gravi i sintomi sarebbero stati già diversi?
Glielo chiedo per non vivere con l ansia che da un momento all altro potrebbero presentarsi sintomi gravi.
La ringrazio.

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
No, ormai può stare tranquillo.

Buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 372XXX

Buongiorno. Innanzitutto la ringrazio per la fantastica celerità e disponibilità nelle risposte.
La aggiorno, sono passati 4 giorni dal trauma, ieri parlandone mi fa che il dolore sta svanendo, che appare solo forzando tantissimo le espressioni facciali (trattasi più di fastidio che di dolore), che al semplice tatto non sente più nulla, anche dormendo appoggiando quel lato della testa non avverte fastidi e che sente un po di dolore solo se schiaccia quella zona.
È rimasto un po' di gonfiore anche se la zona ormai praticamente non é più arrossata. Quello che mi insospettisce é l'atteggiamento di mio fratello, cioè in questi giorni sta svolgendo la sua vita normalmente, guidando, andando in università e al campo, però mi sembra pensieroso e a volte mi sembra si tocchi in quella zona del cranio, come se sentisse fastidio.
Non ha voluto fare controlli dicendo di stare bene.
Alla luce di tutto questo, del tempo che é passato, della sintomatologia riguardante le espressioni facciali secondo lei ho motivo concreto di preoccuparmi davvero o é più uno stato ansioso?
La ringrazio e mi scuso di nuovo per il disturbo.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

da ciò che scrive non vedo motivi di preoccupazione, si tranquillizzi.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro