Utente 582XXX
Salve,

Da un paio di mesi vivo un profondo disagio che è iniziato con degli sbandamenti mentre tornavo a casa da lavoro.
Dopo il cambio di lavoro, per cui ho iniziato a spostarmi in treno la situazione si è acuita, ma ho associato la cosa ad una infiammazione cervicale legata anche ad un brutto torcicollo che mi ha tenuto bloccata per una settimana.


Recentemente ho eseguito diversi esami:
Esami tiroide - negativi
Esami sangue - regolari
RX cervicale - che ha evinto una rettilineizzazione della rachine e appuntamento osteofitico
Visita neurologica - negativa.
Consigliato l'assunzione di Eon.

Visita otorino - negativa con estazione di cerume.
Consigliato l'assunzione di Nootropil

Inoltre sto continuando a seguire un percorso di riabilitazione posturale e ho effettuato l'estrazione del dente del giudizio incluso e orizzontale.


Nonostante tutto continuo a non sentirmi tranquilla ed avere la sensazione di avere qualcosa di serio.
Da un paio di giorni ho anche in dolore all'altezza di inguine e ovaio destro e sono preoccupata che sia un problema ginecologico.


Vorrei sapere che altri esami sarebbe opportuno fare.
Ho letto nei forum di diverse persone che venivano curate per ansia mentre erano affetta da sclerosi multipla e sono molto spaventata.
I miei sintomi peraltro continuiamo a cambiare ed aumentare ed io non so più a chi specialista rivolgermi e cosa dovrei fare.


Inoltre sono anche confusa sulle prescrizioni degli specialisti che a detta del mio medico di base sono opposte e secondo lui inadeguate.


Grazie mille per il supporto che vorrete dedicarmi.

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
FRATTAMAGGIORE (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
ritengo che il suo polimorfo quadro clinico debba essere attentamente considerato da un neurologo che in primis escluda malattie organiche, esaminandola attentamente sotto il profilo neurologico ed eventualmente prescrivendole l'esecuzione di indagini appropriate. Una volta esclusa una patogenesi organica, allora trova diritto di domicilio qualunque altra spiegazione di tipo funzionale.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 582XXX

Salve dottore e grazie per la sua risposta. Ho già fatto una visita da neurologo il quale ha dato un esito negativo e mi ha consigliato di andare da un otorino.

Secondo lei dovrei andare da un ulteriore neurologo?

Grazie