Utente
Buonasera richiedo questo consulto in quanto in 10 anni e vari consulti non sono ancora riuscito a risalire alla patologia che mi affligge.



Volevo precisare che in questi anni si e' potuto constatare tramite i consulti con diversi medici:

- Fibromialgia (rilevata da reumatologo tramite pressione su alcuni tender point e test forza) Esami effettuati nel 2018/19:
* LDH 336. 0 U/L (nella norma)
* VITAMINA D insufficente
* FOSFATASI ALCALINA (nella norma)
* REUMA TEST 2. 0 (nella norma)
* PCS (nella norma)
* MUCOPROTEINE (nella norma)
* MAGNESIEMIA (nella norma)
* VES 5 (nella norma)
* ELETTROFORESI PROTEICA (nella norma)
* P ANCA ANTI CITOP.
(nullo)

- Malocclusione ATM (rilevata da gnatologo neuromuscolare con kinesiografia)
-Problema congenito o da sindrome autoimmune ai dotti biliari con gamma gt e blilerubina fuori valore (ancora non identificato con sicurezza visto che dalla prima colangio e' risultata positiva e la successiva negativa)
-valvola jatale che non chiude in maniera perfetta (gastroscopia)
-lievissima neutropenia e linfocitosi
-problema posturale da incidenza apparato stomatognatico (posturologo)
-Eccessivo gonfiore addominale e con intestino contratto (posturologo)
-appianata la fisiologica lordosi cervicale (radiografia)
-fenomeno reynoud o acrocianosi o eritema pernio (3 differenti consulti)
-otite catarrale

Riferisco di seguito i miei sintomi:
-mani e orecchie spesso fredde e soggette a geloni (geloni se uso acqua calda con mani fredde) ma a vista non tipici del reynoud
-episodi di scarsa tolleranza al freddo (anche con brividi leggeri)
-sensazione di avere i nervi contratti o infiammati (solo alle giunture anteriore del braccio e posteriore della gamba) e che tendono a quasi scomparire durante l'arco della giornata
-sensazione di dover stendere in continuazone i muscoli al risveglio
-dolori solo in pressione in alcuni punti del corpo (dolore ben definito simil bruciatura che si irradia sui muscoli)
-stanchezza muscolare (come se avessi camminato per parecchio tempo)
-episodi di sciatica
-rari episodi di reflusso

Chiedo perdono se mi sono allungato su quanto richiesto ma davvero non so piu' come trovare la giusta strada.

Attualmente (da 5 mesi) sto indossando un byte per la cura dell'atm e ho risolto momentaneamente i problemi riguardo l'otite.

Confermo di seguire un alimentazione del tutto sbagliata e il fatto che negli scorsi anni mi sono state rimosse 4 amalgame (eseguite senza uso di diga).

Non sono depresso ne ansioso ma sono solo testardo nel voler cercare una soluzione reale a quanto mi affligge e non solo un semplice tamponamento temporaneo con medicinali.

Grazie a quanti vorranno rispondere e illuminarmi in merito

[#1]  
Dr. Marco Bonelli

32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2015
Buonasera,
I suoi innumerevoli disturbi alcuni con una più o meno evidente base organica ed altri di carattere funzionale , non sono facilmente inquadrabili senza una visita medica.
L’ipotesi diagnostica della fibromialgia può essere verosimile perché è soprattutto clinica e quindi si può porla anche in presenza di tests reumatologici negativi come nel suo caso .Altri disturbi potrebbero inquadrarsi in un ambito neurologico .
Il consiglio spassionato è quello di farsi seguire da uno specialista per certo periodo di tempo per arrivare a diagnosi certa oppure di esclusione per poi farsi indirizzare ad un clinico di competenza . In certi casi occorre fidarsi di qualcuno e seguirne i consigli.
Un saluto
Dr. Marco Bonelli
MedicoChirurgo
Specialista in Reumatologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la sua gentile risposta. Un ultima domanda, spulciando tra alcune analisi del 2013 ho notato che un valore era di gran lunga fuori norma, cioè le immunoglobuline IGG.. Valore 140. All epoca stranamente non fu preso in considerazione dal medico curante. Può avere qualche valenza per la mia sintomatologia? Grazie ancora

[#3]  
Dr. Marco Bonelli

32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2015
Buonasera ,
quel valore si riferisce al dosaggio di immunoglobuline generiche quindi non attribuibili ad una specifica malattia .Tutt’al più può essere espressione di uno stimolo del sistema immunitario ma non riconducibile ad uno stato patologico preciso .
Dr. Marco Bonelli
MedicoChirurgo
Specialista in Reumatologia

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottore, quindi la situazione immunoglobuline non va approfondito?