Utente
Buongiorno,
sono una ragazza di 23 anni e da tanti anni soffro di mal di testa (prendo la pillola anticoncezionale per ovaio micropolicistico da 7 anni).

Ho sempre tenuto sotto "controllo" i mal di testa con vari antidolorifici ma da qualche mese a questa parte gli attacchi sono aumentati, sia di frequenza che di intensità.

Di conseguenza a fine gennaio mi sono recata presso il centro cefalee della mia regione, e il neurologo mi ha fatto diagnosi di emicrania senz'aura, prescrivendomi dei farmaci da prendere al bisogno (Auradol o Spidifen) e dei farmaci per la profilassi (Stiliden e Flugeralmite).
In più mi ha prescritto da eseguire una RM all'encefalo e un EEG.

Martedì ho eseguito la RM all'encefalo e oggi ho ripreso i risultati: "Sono presenti alcune isolate piccole immagini di iperintensità di segnale in T2 a livello della sostanza bianca sottocorticale frontale bilaterale, maggiormente a sinistra, a carattere aspecifico, da rivalutare con esame RM a 4-6 mesi se si tratta di primo riscontro.
Non altre significative alterazioni".
Purtroppo ho la brutta abitudine a cercare subito informazioni su quanto letto, e davvero ho letto di tutto, da ischemie pregresse a prodomi di Sclerosi Multipla.
Lei cosa ne pensa?
Ovviamente andrò al più presto dal mio medico di base, in attesa del neurologo, ma volevo anche un altro parere per tranquillizzarmi un po'.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

le piccole immagini di iperdensità riscontrate alla RM sono state definite dal neuroradiologo "aspecifiche", cioè non indicative di malattie in particolare.
Non sarebbe nemmeno da escludere che siano state causate da attacchi emicranici particolarmente violenti.
Assolutamente condivisibile un controllo RM dopo 4-6 mesi.
Faccia vedere le immagini dell’esame al neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio per la celere e gentile risposta.
Quindi posso stare tranquilla che non sia nulla di grave?
E da quanto ho capito, potrebbero essere come delle (mi passi il termine) "microlesioni" causate da precedenti attacchi emicranici?
La ringrazio nuovamente e mi scuso per il disturbo.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

" potrebbero essere come delle (mi passi il termine) "microlesioni" causate da precedenti attacchi emicranici?" esattamente, ma è solo un'ipotesi a distanza.
E' necessario però che l'esame venga visionato dal neurologo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro