Attivo dal 2019 al 2020
Salve, mi rendo conto di essere una persona particolarmente ansiosa infatti sto intraprendendo una terapia che per ora ha dato i suoi frutti.

Questa notte, però, ho avuto un episodio di cefalea seguito da vomito.
(È già capitato, due volte).
Il dolore era localizzato alla zona della nuca, pulsante, atroce.
E comprendeva anche zigomi, maschera, click mandibolari, zona sinusale etc.
(Ho anche un forte raffreddore).
Ho chiamato la guardia medica quaranta minuti dopo aver preso una tachipirina che non aveva fatto effetto, e mi han detto di prendere un brufen.
Non ho fatto in tempo che ho vomitato subito dopo! E dopo il vomito tutto è cessato.
Anni fa feci una visita neurologica per questa sintomatologia e non mi prescrissero niente.
(Nell’arco di quattro anni è successo solo due volte).
È vero che ho dormito per giorni su un materasso molto scomodo: la combo naso tappato + cervicale può aver influito?
Sono molto preoccupata, penso già ad un tumore al cervello.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazza,

episodi di cefalea pulsante seguiti da vomito sono spesso di tipo emicranico, questo in generale.
Una visita almeno dal Suo medico curante la riterrei indicata.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Attivo dal 2019 al 2020
Salve dottore, scusi se torno a disturbarla. La ringrazio per la precedente risposta. Purtroppo ho di nuovo uno spiacevole mal di testa e dolore fortissimo ai muscoli facciali. Il mal di testa è di tipo pulsante e localizzato sulla nuca. Premetto che ho anche un raffreddore. Devo farmi visitare alla svelta???

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazza,

contatti telefonicamente il medico curante e veda cosa Le consiglia. L’ipotesi emicranica resta sempre.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro