Utente
Gentile dottore,
ho 24 anni e premetto di essere un soggetto molto ansioso e ipocondriaco.


È da settembre 2019 (periodo degli ultimi esami all’università) che ho iniziato ad avvertire le prime fascicolazioni.

A ottobre vado in vacanza e sembrano sparire, per poi ricomparire a dicembre nel mese prima della seduta di laurea.

Nei giorni antecedenti alla laurea oltre alle fascicolazioni a gambe, braccia, spalle e glutei inizia a tremare anche l’occhio sinistro fino a due settimane dopo la laurea per poi smettere.


In questi giorni di quarantena a casa ci sto pensando più del dovuto e le sento alle gambe sopratutto quando sono a riposo, seduto a studiare e quando mi sdraio la sera per andare a dormire.


Faccio sport, pratico crossfit in questi giorni ovviamente a casa, sottoponendo il corpo a molto sforzo 4/5 volte a settimana, e non ho deficit motori.


Mesi fa in una visita dal mio medico di base, (premetto che vado spesso dal medico per ogni minimo sintomo) visitandomi mi disse che sono sicuramente sintomi ansiosi ma per sicurezza di fare una visita neurologia che tuttavia ancora non ho fatto.

Nel corso dell’ultimo anno di università, il dottore inoltre mi ha prescritto diverse gocce e farmaci per l’ansia.


Quando sono fuori con gli amici o mi alleno non ho fascicolazioni e nemmeno ci penso.


Durante il giorno e la sera quando sono sdraiato sto attento ad ogni minimo rumore/movimento del mio corpo, e inevitabilmente arrivano.


È possibile che questi sintomi siano dovuti a qualche malattia neurologica o è solo ansia?

Il mio terrore sono la scelorisi multipla o tumori.


Grazie in anticipo Dottore.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi sentirei di tranquillizzarLa, non vedo elementi che possano fare sospettare una malattia neurologica.
In base alla Sua descrizione l’ipotesi ansiosa è quella più probabile.
Non dia importanza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro