Utente
Gent.
mi Dottori 
chiedo gentilmente a Voi un consulto, in quanto da 5 mesi mia mamma di 88 anni presenta disartria che sta notevolmente peggiorando.
 

Da parte di due neurologi e un geriatra, ed in base a esami e visite effettuate, sono stati esclusi tumori e ictus/ischemie.
 

La TAC encefalo del 31/1/2020 è "negativa", ma viene riportato: "Franco ampliamento atrofico degli spazi liquorali, in sede temporale e frontale.
Calcificazioni in sede emisferica destra.
"
Nessuno mi dice quale sia il problema, nè se ci siano cure (oltre a parlare male, mia mamma non riesce più a scrivere).
 

Attualmente i medicinali che prende sono: gastroprotettore, cardioaspirina (per trombosi venosa profonda alle gambe di 8 anni fa ed emorragia cerebrale di 5 anni fa dovuta a caduta), ziloric, vitamina D, vitamina B e Lenox (per microcircolazione?).
 

Specifico, infine, che a parte piccole dimenticanze, la mente è lucida e reattiva.
 

Le mie domande sono: ci sono cure possibili?
Come potrebbe evolversi?
 

Grazie in anticipo per le Vostre cortesi risposte.
 

MR

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile MR,
Per farle intendere la portata del problema, è necessaria una breve premessa di carattere neuropatologico.
La disartria coinvolge la componente motoria del linguaggio, diversamente dall'afasia che invece disturba il contenuto del linguaggio, e le cause possono essere molteplici (malattie degenerative oppure vascolari che determinano lesioni in quelle aree cerebrali coinvolte nella regolazione delle attività motorie relative alla fonazione costituite da corteccia cerebrale, cervelletto, nuclei della base, tronco cerebrale...). La disartria si distingue, a seconda della sua specifica origine, in diversi tipi (spastica, flaccida, atassica, ipercinetica o ipocinetica, mista).
In genere la disartria è trattata dai logopedisti, che utilizzano una serie di tecniche che sono relative al tipo specifico di disartria.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la cortese risposta, intuisco che quindi con l'aiuto di un logopedista si possa ottenere un miglioramento.
Grazie di nuovo e un cordiale saluto
Marta Rinaldi

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La ringrazio, gentile Marta, della cortese recensione.
Un cordiale saluto anche a lei.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it