Utente
Salve, sono una studentessa di 22 anni.
Ad ottobre dell'anno scorso (2019) ho iniziato ad avere molto dolore alla mano destra e intorpidimento dopo aver scritto per tutta la giornata e anche dolore al piede sinistro camminando per più di un paio di km per cui il medico di base mi ha prescritto una radiografia della colonna vertebrale il cui risultato fu: Lieve scoliosi dx convessa, emibacino risalito di 4mm.
il medico di base disse che ho anche le scapole non ben allineate ed attribuì a questo, allo sforzo per scrivere molto e ad una postura errata il dolore alla mano destra; disse di allenarmi per rinforzare i muscoli della schiena e di stare attenta all postura quindi iniziai a fare ginnastica postulare ed iniziai a scrivere al computer dato che così non avevo più dolore.
Intorno a febbraio di quest'anno sono molto peggiorata, premetto che ho sempre sofferto di mal di testa almeno 5 volte al mese ma mai così forti.
Ho iniziato ad avere cefalee pulsanti posteriormente all'occhio destro (talvolta anche al sinistro) almeno una o due volte a settimana associate a fotofobia, disturbi visivi quali cerchi bianchi al buio e qualche volta anche a temporanea perdita di sensibilità attorno all'occhio destro, inoltre, in assenza di cefalea o quando è come una pressione alle tempie (più sopportabile) capita che temporaneamente vedo dei piccoli puntini neri (lateralmente).
Assieme a tutto questo il dolore (come delle fitte anche a riposo) si è intensificato a livello del collo e si è esteso ad entrambi gli arti superiori, in particolare modo le fitte sono a livello delle dita, del polso e dell'articolazione della spalla.
Quasi tutti i giorni mi sveglio con le braccia intorpidite, con i formicolii, con ridotta sensibilità e con acufene temporaneo all'orecchio sinistro.
Come precedenti problemi di salute ho avuto: una tiroidectomia totale a 2 anni (i livelli ormonali sono tenuti sotto controllo prendendo Tiche 125), all'età di 17 anni mi è stato asportata una cisti dermoide all'ovaio sinistro di circa 4 cm e il medico di base recentemente ha detto che ho una sinusite cronica.
Il medico di base non sta facendo visite per via dell'emergenza e non mi fa la prescrizione per una risonanza magnetica (consigliata da un altro medico mio conoscente) a meno che non sia richiesta d uno specialista.
Dunque vorrei capire da cosa può essere causato tutto questo e da quale specialista dovrei andare, credo purtroppo in privato.

[#1]  
Dr. Alberto Grasso

28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2017
Gentile Utente ,
la descrizione della Sua sintomatologia e' multipla e quindi un suggerimento sul da farsi e' altrettanto complesso.
Ritengo sicuramente utile eseguire una RMN ENCEFALO E DEL TRATTO CERVICALE come primo step diagnostico indispensabile per un orientamento clinico successivo.Le consiglierei anche una Visita Specialistica Oculistica.
Fatti questi acertamenti lo Specialista da consultare e' un Neurofisiatra che dovra' , innazitutto , eseguire un esame clinico-neurologico completo e poi Fisiatrico - Funzionale per gli opportuni suggerimenti correttivi.
Saluti
Prof.Alberto Grasso